counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Ancona: Silvetti: "Annessione del Parco del Cardeto al Parco del Conero, per la volorizzazione del primo e il rafforzamento dell’altro"

2' di lettura
78

Nessuna dispersione, nessuna perdita, nessuno scippo.

La nostra mozione, che dà di fatto il via all’inizio dell’iter per l’annessione del Parco del Cardeto al Parco del Conero, è rivolta alla volorizzazione del primo e al rafforzamento dell’altro in vista della richiesta di riconoscimento a parco nazionale.

Con questo atto inizia dunque un percorso, punto cardine del nostro programma di governo, per la promozione del territorio, per accentuarne i tratti caratteristici, tenendo bene in considerazione che il Parco del Conero ha tutte le caratteristiche per essere riconosciuto parco nazionale a cui si aggiungerebbe anche l’annessione del Parco del Cardeto che comunque manterrà un suo tratto distintivo nella segnaletica che ne preserverà a sua volta il tratto storico.
Pensare a chi si accolla la manutenzione, pensare nel suo complesso alla gestione è del tutto prematuro visto che le competenze e le azioni conseguenti saranno definite nella fase successiva da un Protocollo d’intesa tra la città di Ancona e il Parco del Conero.

Al momento, quindi, è giusto pensare in prospettiva, alle possibilità e alle opportunità che si prospettano. E mi riferisco all’inserimento del Parco del Cardeto in un circuito turistico-ambientale che darebbe lustro alla città di Ancona con l’inserimento di nuovi percorsi escursionistici, con una programmazione culturale complessiva che spazia dagli eventi ad appuntamenti di sensibilizzazione e di educazione alla natura. Quindi progetti di ricerca e di formazione. Ma ci sono anche questioni ancor più stringenti come il proseguimento della strategia di contenimento degli ungolati, la realizzazione di una cartellonistica complessiva, la messa a sistema delle strutture presenti all’interno del Parco del Cardeto. Penso alla ex Polveriera Castelfidardo, al ‘Campo degli Ebrei’, al Convento dei Cappuccini.

Il percorso è tracciato. Ora il Parco del Conero riunirà il suo Consiglio direttivo per assorbire la mozione votata in Consiglio e invierà la richiesta formale alla Regione per il riconoscimento, attraverso legge regionale, dell’ampliamento dei confini del Parco del Conero. Quest’ultimo Ente, a sua volta, proseguirà invece verso il riconoscimento ministeriale.
E’ bene ricordare che una precedente richiesta di riconoscimento del Parco del Conero a parco nazionale fu fatta nel 2016.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-05-2024 alle 14:05 sul giornale del 24 maggio 2024 - 78 letture