counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
articolo

Sopralluogo del presidente della Regione Acquaroli lungo il Misa: "La pulizia dei fiumi e degli alvei priorità per la sicurezza"

2' di lettura
460

"La messa in sicurezza del territorio passa attraverso la pulizia dei fiumi e il ripristino degli alvei. Stop alle politiche ambientaliste che per anni hanno impedito questi interventi". Ad affermarlo è il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli che mercoledì mattina ha effettuato un sopralluogo lungo il Misa, dove sono in corso lavori di manutenzione staordinaria da parte della struttura commissariale.

Insieme ad Acquaroli c'erano anche il vice commissario per l'emergenza Stefano Babini, l'assessore reginale Stefano Aguzzi, i tecnici del Genio Civile, e i sindaci di Senigallia Massimo Olivetti e di Ostra Federica Fanesi. Il sopralluogo infatti ha toccato vari punti del percorso fluviale, dalla zona di Ponte Zavatti a Vallone, fino alla zona Zipa di Casine di Ostra, dove sono stati incontrati anche alcuni imprenditori locali.

“La ghiaia aveva ristretto l'alveo del fiume e in caso di piogge copiose c'era il rischio esonazone. Questo intervento non elimina il rischio ma lo mitiga -ha affermato il presidente Acquaroli- lunedì sono caduti 60 mm di acqua, nel 2014 non erano tanto di più ma allora ci fu una esondazione, oggi invece il fiume scorre tranquillo. La manutenzione stroardinaria dei fiumi e il ripristino degli alvei sono la prima cosa da fare per la messa in sicurezza dei fiumi”.

Il presidente Acquaroli ha ricordato che “nelle prossime ore arriveranno i fondi per gli indennizzi oltre 5 mila e i 20 mila euro, oltre che per la realizzazione delle vasche di laminazione”. “Occorre abbandonare l'ideologia ambientalista che ha reso impossibile la manutenzione dei fiumi e il ripristino dell'alveo per tanti anni -ha aggiunto Acquaroli- tutta questa ghiaia, che può essere utilizzata gratuitamente per i ripascimenti lungo le coste o per altre situazione, è anche un materiali prezioso per il riutilizzo. Questo intervento di pulizia degli alvei è un'opera per cui dobbiamo continuare a lavorare proprio come si sta facendo lungo il Misa e il Nevola ma anche lungo il Cesano e il Burano stimolo a continuare su questa strada. La sicurezza del territorio dipenderà dalla possibilità che avremo di continuare su questa direzione”.





Questo è un articolo pubblicato il 22-05-2024 alle 18:50 sul giornale del 23 maggio 2024 - 460 letture






qrcode