counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > CRONACA
comunicato stampa

Ancona: Aggredisce la moglie e le distrugge i cellulari, la donna scappa da casa

2' di lettura
136

I poliziotti della Squadra Mobile di Ancona hanno dato esecuzione all’Ordinanza di applicazione della misura cautelare emanata dal GIP presso il Tribunale di Ancona, con la quale è stato disposto il divieto di avvicinamento con l’applicazione del braccialetto elettronico a carico di un 46enne, ritenuto responsabile del reato di maltrattamenti in famiglia commesso nei confronti della moglie.

Il provvedimento dell’Autorità Giudiziaria prevede il divieto di avvicinamento alla consorte ad una distanza non inferiore a 1000 metri, nonché l’applicazione del c.d. braccialetto elettronico.

Da quanto appreso durante la fase investigativa condotta dalla Squadra Mobile e coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona, l’indagato, attraverso reiterate minacce, ingiurie e mediante l’instaurazione di una serie interminabile di litigi e contrasti anche per futili motivi legati alla convinzione che la persona offesa avesse un amante o che conducesse una vita improntata a costumi libertini, avrebbe aggredito ripetutamente e verbalmente la moglie, sottraendole anche i telefoni cellulari, che danneggiava scaraventandoli in terra, e creando in tal modo un clima intollerabile fra le mura domestiche, tanto che la donna scappava di casa chiedendo l’intervento delle Forze dell’Ordine. La pesante situazione creava nella donna un perdurante e grave stato d’ansia e di paura tale da ingenerarle un fondato timore per la propria incolumità personale.

All’esito dell’attività info-investigativa, il G.I.P. presso il Tribunale di Ancona, accogliendo la richiesta avanzata dalla Procura della Repubblica, disponeva l’applicazione della predetta misura cautelare che, nel pomeriggio di sabato, veniva eseguita dagli agenti della Squadra Mobile.

Il provvedimento eseguito, costituisce misura cautelare, disposta in sede di indagini preliminari, avverso cui è ammesso mezzo di impugnazione e il destinatario della stessa è persona sottoposta alle indagini e quindi presunta innocente fino a sentenza definitiva.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-05-2024 alle 23:44 sul giornale del 20 maggio 2024 - 136 letture






qrcode