counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Opere per la salvaguardia del Misa e Nevola: il Comune, "In arrivo tre vasche di laminazione"

2' di lettura
186

E’ stato illustrato in Regione il Piano per la realizzazione delle opere strutturali ed infrastrutturali del Commissario nel bacino Misa Nevola. Si tratta della seconda parte di interventi pubblici finanziati con i fondi stanziati dal Governo.

Oltre alle opere di somma urgenza già realizzate, come quelle relative all’asporto del materiale di sovralluvionamento e di escavo della foce, o in fase di realizzazione, come il rifacimento della spalla del Ponte di Cannella, o già finanziate, come il rifacimento di Ponte Garibaldi, sono stati previsti ulteriori stanziamenti economici e quindi interventi strutturali nel territorio comunale di Senigallia.

Sono state definitivamente previste, come da noi fortemente richiesto, tre nuove vasche di laminazione: la prima e’ quella della Marazzana, per una estensione di circa 150 ettari, per una spesa complessiva di 12 milioni di euro; la seconda è quella dell’area del civico 105 ed aree vicine subito dopo il Fosso Baviera, per una spesa di 9,5 milioni di euro; la terza a Bettolelle, a monte della vasca esistente, per una spesa di 975.000 euro.

E’ stato previsto inoltre il finanziamento di altri 3 milioni di euro per la demolizione ed il rifacimento del Ponte delle Bettolelle e 150.000 euro per lo studio del quartiere di Borgo Molino. A queste opere vanno poi aggiunte le altre, progettate e finanziate nelle zone più a monte dei due fiumi, come le vasche di Pancaldo e di Ponte Lucerta , che ovviamente completano l’intervento di messa in sicurezza di questa fase, nonché quelle che verranno individuate nelle fasi successive. Grazie a tutti i docenti universitari, i professionisti ed i collaboratori delle strutture pubbliche che hanno effettuato lo studio completo delle stato dei fiumi Misa e Nevola ed hanno individuato le soluzioni per ridurne il rischio idrogeologico.

Grazie al Presidente della Regione Marche e Commissario Francesco Acquaroli ed al Vicecommissario Stefano Babini per l’impegno profuso a favore dei nostri territori e per aver ascoltato le nostre istanze. Questa è una risposta seria a chi ancora ha il coraggio di strumentalizzare per soli scopi di propaganda elettorale le problematiche del fiume, nonostante per decenni non ha fatto nulla per metterlo in sicurezza.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-05-2024 alle 15:44 sul giornale del 18 maggio 2024 - 186 letture






qrcode