counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > POLITICA
comunicato stampa

Nuova legge sulla caccia, Coldiretti Marche: “Troppe lacune, se le nostre proposte non verranno accolte entreremo in mobilitazione”

2' di lettura
52

cacciatori

È ancora in gestazione dopo il passaggio in Commissione consiliare ma fa già parecchio discutere la nuova pdl sulla caccia con Coldiretti Marche che annuncia fin da subito una mobilitazione se non saranno accolte le richieste degli agricoltori.

A partire proprio dalla volontà di introdurre un limite massimo di utilizzo delle risorse degli ATC per eventuali maggiorazioni sui danni arrecati alle colture. “La certezza del risarcimento del danno deve essere sempre garantita” tuonano da Coldiretti Marche, che punta il dito anche contro l’assenza delle nuove disposizioni nazionali previste dall’art. 19 ter della Legge 157/92 introdotte con la Legge di Bilancio 2023 “che permettono di intervenire con la selezione in casi eccezionali anche nelle zone vietate alla caccia, compresse le aree protette e quelle urbane, sempre anche nei giorni di stop venatorio. I cinghiali sono responsabili del 75% dei danni in agricoltura e l’Osservatorio Asaps anche di 11 incidenti stradali con feriti gravi nella nostra regione. Il Piano di Contenimento della specie, scaduto nel 2023, è stato prorogato, ma non rinnovato, cosi come stiamo assistendo inermi alla mancata approvazione del piano di contenimento della Pesate Suina.

“Siamo molto preoccupati perché nonostante le rassicurazioni stiamo assistendo a interventi che, nella migliore delle ipotesi, sono troppo timidi rispetto a un’emergenza che mette a repentaglio l’economia dei territori e la sicurezza dei cittadini” dicono da Coldiretti Marche. I nodi? Tutti rinviati. Nessun accenno infatti al Regolamento unico per gli Atc, la cui situazione rimane identica – e quindi priva di controlli efficaci sulla loro operatività.

“Su questo aspetto – aggiungono gli agricoltori – la legge istituisce una commissione consultiva regionale che tuttavia prevede la partecipazione dei controllati, gli Atc, appunto, e dei cacciatori ma in numero notevolmente superiore rispetto agli agricoltori. Vanno esclusi gli Atc che sarebbero soggetto controllante e controllato e ci deve essere ovviamente pari rappresentanza”.



cacciatori

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-05-2024 alle 17:40 sul giornale del 17 maggio 2024 - 52 letture






qrcode