counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
articolo

Senigallia: il sindaco firma l'ordinanza per le feste in spiaggia. Deroghe per i baretti, piani di sicurezza per gli eventi con balli

2' di lettura
576

Sì alla movida e al divertimento ma in sicurezza e nel rispetto delle regole. Con la stagione delle prime feste e musica già cominciata, almeno sul lungonare Marconi, e in vista dell'apertura degli stabilimenti balneari, il sindaco Massimo Olivetti ha firmato l'ordinanza che disciplina l'intrattenimento in spiaggia.

Precisando che per “gestori di stabilimenti balneari” si intende quelli che non svolgono attività di ristorazione (per cui sono previste discipline specifiche), l'ordinanza ripercorre quanto già speritato la scorsa estate. I gestori dei cosi detti “baretti” in spiaggia e dei bar all'interno delle concessioni balneari, possono, dal 1° maggio al 30 settembre, definire il proprio orario di apertura nell'ambito della fascia oraria che va dalle 7,30 alle 21.30 e possono svolgere attività ludiche e sportive dalle 8 alle 23. Possono inoltre svolgere attività di somministrazione di alimenti e bevande e di intrattenimento sempre dalle 7 alle 21.30. Sono previste però varie giornate di deroga quali il 18 maggio, l'8 e il 22 giugno, il 6 e il 27 luglio, il 10,14, 24 agosto e 7 settembre, quando i gestori degli stabilimenti balneari possono restare aperti fino alle 3 del mattino del giorno successivo. Altre dereghe, ma solo fino a mezzanotte, sono previste per tre sere al mese che i gestori degli stabilimenti possono decidere autonomamente, ossia 3 sere nel mese di giugno, 3 sere nel mese di luglio, 3 sere nel mese di agosto e 1 sera a settembre, purchè sia fatta comunicazione con 72 ore di anticipo.

Ovviamente le così dette "feste" in spiaggia devono avvenire nel rispetto dell'ordinanza che precisa, tra le altre cose, che "gli stabilimenti balneari possono svolgere piccoli intrattenimenti musicali purchè i locali e gli spazi rimagano identici, senza trasformazioni logistiche. Gli intrattenimenti con capienza massima di 200 persone possono essere svolti fino a mezzanotte e devono essere autorizzati tramite apposita SCIA, quelli invece che prevedono una capienza superiore a 200 persone devono essere autorizzati dalla Commissione Vigilanza del Comune. Per tutti gli spettacoli dove è previsto il ballo, i gestori degli stabilimenti balneari sono tenuti a predisporre un idoneo Piando di emergenza. Gli stabilimenti balneari possono anche svolgere spettacoli dal vivo che comprendono attività culturali all'aperto come teatro, musica e danza e proiezioni cinematografiche purchè si svolgano tra le 8 e le ore 1 del giorno successivo, fino a un massimo di 2 mila partecipanti, e previa presentazione di una apposita SCIA.



Questo è un articolo pubblicato il 06-05-2024 alle 18:57 sul giornale del 07 maggio 2024 - 576 letture






qrcode