counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Codici: tutela dei consumatori dopo il presunto utilizzo di soda caustica nel latte, mozzarella per pizza richiamata

2' di lettura
226

Codici scende in campo per tutelare i consumatori a seguito della sconvolgente vicenda che ha coinvolto un'azienda produttrice di latte e mozzarella per pizza. Le indagini della Procura di Pesaro sono in corso per accertare se la soda caustica sia stata effettivamente utilizzata per correggere l'eventuale acidità del latte.

Esposto in Procura e Class Action: già allertati dalle prime indiscrezioni, Codici ha prontamente presentato un esposto in Procura a Pesaro ed ha avviato una class action per tutelare i diritti dei consumatori coinvolti e ottenere il giusto risarcimento per gli eventuali danni subiti, nel caso in cui le indagini dovessero confermare l'utilizzo di sostanze non consentite nella lavorazione del latte.

Richiamo mozzarella per pizza. Il Ministero della Salute ha emesso un provvedimento di richiamo per alcuni lotti di mozzarella per pizza prodotti da Fattorie Marchigiane, Cons. Coop. Agricola, e venduta sotto diversi marchi, tra cui Tre Valli, Regina e Migali. I prodotti interessati sono stati richiamati a causa di una sospetta carica batterica elevata sulla materia prima e del sospetto utilizzo di sostanze non autorizzate tra cui la soda caustica.

Di seguito i dati relativi ai lotti di mozzarella per pizza richiamati:
Prodotto: Mozzarella per pizza
Lotti: L2411300, L2411400, L2411500
Scadenza: 22/05/24, 23/05/24, 24/05/24
Peso unità di vendita: 1 kg e 2,5 kg
Produttore Fattorie Marchigiane Cons. Coop. Agricola
Stabilimento: IT 11 21 CE
Motivo del richiamo: Sospetta carica batterica elevata e sospetto utilizzo di sostanze non autorizzate

Codici ribadisce il proprio impegno nella difesa dei consumatori e continuerà a monitorare la situazione con attenzione, pronta a intraprendere tutte le azioni necessarie a tutela dei diritti dei cittadini. Invitiamo i consumatori a prestare attenzione ai prodotti richiamati e a non consumarli.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-05-2024 alle 15:55 sul giornale del 07 maggio 2024 - 226 letture






qrcode