counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > CRONACA
articolo

Fermo: Abbattuta capanna del sesso a Marina Palmese

2' di lettura
80

FERMO - Eliminata una capanna abusiva di legno utilizzata probabilmente da ragazzi, c'erano giornaletti porno e preservativi. Il Comune ha pulito l'intero litorale di Santa Maria a Mare e Marina Palmense mentre i volontari di "Nel nostro piccolo" hanno tirato a lucido San Biagio.

Operai incaricati dal Comune di Fermo hanno posto fine alla situazione dopo mesi di numerose segnalazioni che indicavano la presenza di una capanna di legno tra la ferrovia e la nuova strada carrabile interna che costeggia la ferrovia (sponda est) che collega Santa Maria a Mare con Marina Palmense.
I segnalatori tempo fa avevano notato all'interno giornalini porno e preservativi. Oggi gli operai hanno trovato anche un tavolo e sedie, addirittura anche un cestino per la spazzatura. Apparentemente nessun'altra traccia di particolari attività illecite.
Insomma la capanna era utilizzata quasi sicuramente da ragazzi "per leggere" (non certo Dante o Manzoni…) e per farsi gli affari propri in libertà. Chi da ragazzo non ha mai avuto o frequentato un luogo come questo? A prescindere da quale sia stato l'uso di questa casetta di legno essa era una bruttura, come si vede dalle immagini, oltre che un pericolo anche per i bambini.


Il litorale più frequentato di Santa Maria a Mare e Marina Palmense è stato pulito oggi dalla municipalizzata Asite per l'approssimarsi della stagione estiva in una zona che proprio da quest'anno è stata valorizzata dal nuovo ponte ciclopedonale alla foce del Fiume Ete, la cui inaugurazione due mesi fa ha avuto grande risalto avendo realizzato oggi un collegamento sognato da decenni; valorizzato dalla nuova pista ciclabile che costeggia la spiaggia da Porto San Giorgio fino a Marina Palmense.
Entrambe le opere da due mesi hanno aumentato moltissimo la frequentazione di quel tratto di litorale; a ciò si aggiungerà fra poche settimane l'arrivo di centinaia di turisti che affolleranno i numerosi campeggi.


I punti invece più nascosti del litorale sud del Comune di Fermo, come San Biagio (al confine con Marina di Altidona), sia la zona della spiaggia, della scogliera a ridosso della spiaggia che protegge la ferrovia e le scarpate ai lati della strada statale, nonché i piccoli sottopassi ferroviari, nelle ultime settimane sono stati completamente liberati dai volontari di "Nel nostro piccolo" che hanno rimosso decine di quintali tra tantissime bottiglie di plastica, reti dei pescatori, pneumatici e tanto altro; immondizia abbandonata da mesi o da anni e segnalata tante volte inutilmente al Comune di Fermo che in quella zona non è mai intervenuto. Grazie ai volontari anche l'intera zona di San Biagio è stata tirata a lucido.





Questo è un articolo pubblicato il 03-05-2024 alle 18:46 sul giornale del 04 maggio 2024 - 80 letture


Paolo Bartolomei




qrcode