counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > POLITICA
comunicato stampa

Bolkestein, Mangialardi: “La demagogia del centrodestra sarà pagata cara da imprese e cittadini"

2' di lettura
60

“Lo stop del Consiglio di Stato alla proroga concessa dal governo Meloni circa l'applicazione della direttiva Bolkestein alle concessioni balneari è l'ennesima dimostrazione di come la destra italiana, incapace di risolvere i problemi reali delle imprese, non riesca mai ad andare oltre la demagogia".

"Il centrodestra, sia nazionale che marchigiano, convinto di poter impunemente continuare a ricorrere alla strategia delle proroghe nonostante una sentenza del Consiglio di Stato imponesse dal 1° gennaio 2024 la messa a gara delle concessioni demaniali, rischia di far saltare migliaia di imprese, cancellando centinaia di migliaia di posti di lavoro. Un danno di proporzioni incalcolabili sia sul piano sociale che economico”. A dirlo è il capogruppo regionale del Partito Democratico Maurizio Mangialardi.

"Come tutti i governi che lo hanno preceduto - continua il capogruppo dem - anche quello della Meloni ha irresponsabilmente perso tempo prezioso. Anziché lavorare, come ho sempre sostenuto fin dalla nascita della direttiva Bolkestein, a un disegno di legge capace di restituire sicurezza alle imprese balneari, prevedendo magari un maggiore punteggio nei bandi di gara per le imprese preesistenti al fine di tutelare gli investimenti fatti nel corso degli anni e salvaguardare i livelli occupazionali, la Meloni ha scelto di inseguire l'idea della mappatura. Un'idea sbagliata e, oggi lo vediamo, priva di fondamento giuridico. Ora la procedura di infrazione aperta dall'Unione Europea contro l'Italia proprio a causa di quella proroga, potrebbe costare carissima al nostro Paese. Del resto, il cieco antieuropeismo di cui tutti i partiti del centrodestra hanno dato sempre prova non poteva che portare a questo disastro. Lo ribadisco: l'unica soluzione vera e concreta resta l'iniziativa legislativa, anche se il tempo gioca sempre più a sfavore dell'Italia".

"Anche a livello regionale - conclude Mangialardi - si è fatto poco o nulla. il presidente Acquaroli, come sua abitudine, si è completamente allineato ai diktat nazionali del suo partito. Eppure, lo scorso novembre, l'aula aveva approvato all'unanimità una mia mozione che impegnava la giunta ad attivare immediatamente un tavolo di confronto con le associazioni di categoria, i sindacati dei balneari e i parlamentari marchigiani con lo scopo di elaborare un quadro normativo più avanzato da portare in discussione nell’ambito della Conferenza Stato-Regioni. A dimostrazione che probabilmente neppure la destra marchigiana crede più alla strategia della Meloni. Spero che il presidente saprà spiegare in modo convincente le ragioni per cui quell'impegno è rimasto lettera morta".



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-05-2024 alle 12:12 sul giornale del 04 maggio 2024 - 60 letture






qrcode