counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Ancona: INRCA: incontinenza urinaria, nelle Marche non solo anziani. La metà di chi ne soffre è under 65

2' di lettura
216

Incontinenza urinaria, un problema che nelle Marche non riguarda solo gli anziani.

Sulle 80 persone che nel corso del 2023 si sono rivolte all’Inrca, 40 hanno infatti un’età inferiore a 65 anni. E’ quanto emerso in un incontro dedicato a questo disturbo e ospitato all’auditorium del geriatrico in occasione dell’Open Week “Bollini Rosa”. A fare il punto è stato il dottor Giovanni Renato Riccardi, direttore U.O.C. Medicina riabilitativa, che ha sottolineato come il problema può avere conseguenze anche sul piano psicologico: “Chi soffre di incontinenza urinaria può sentirsi stigmatizzato o umiliato e questo aumenta il rischio di incorrere in forme depressive. In un quarto delle persone con incontinenza urinaria possono essere correlate disfunzioni sessuali- spiega Riccardi- la situazione va gestita in anticipo, bisogna capire che non è normale perdere gocce di urina quando si tossisce e quindi affidarsi a professionisti come il ginecologo, l’urologo o il fisiatra”.

Tra i sintomi principali c’è la perdita di gocce di urina durante una semplice camminata o corsa, mentre si solleva un peso o mentre si ride. Attenzione anche a quando si va in bagno frequentemente, soprattutto la notte, o quando si avverte uno stimolo urinario improvviso senza ruscire a gestirlo. Il problema può essere causato anche da cattive abitudini come bere poco o, al contrario, bere molto ma in breve tempo e nelle ore serali. Tra le altre cause ci sono il trattenere l’urina a lungo o il fare pipì senza stimolo. Buone abitudini di prevenzione sono invece il bere durante la giornata, limitare l’uso di bevande prima di andare a dormire; ridurre bevande gassate, alcoliche e caffeina.

Presso l’Unità Operativa di Medicina Riabilitativa (Inrca – Por, via della Montagnola 81, Ancona) è attivo un ambulatorio dedicato alla riabilitazione pelvi-perineale. Informazioni allo 071 800 3459 (Dal lunedì al venerdì 7.30-10.30).



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-04-2024 alle 10:29 sul giornale del 24 aprile 2024 - 216 letture






qrcode