counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Santarelli (Cgil) sull'incidente in A14: "Chi pagherà per tutto questo?"

3' di lettura
36

“L’ennesimo, terribile, incidente avvenuto ieri lungo l’Autostrada A 14, nel tratto tra Pedaso e Grottammare, solleva una serie di interrogativi che necessitano di una risposta rapida e precisa per fugare ogni dubbio su quanto accaduto”.

E’ quanto dichiara Giuseppe Santarelli, segretario generale Cgil Marche, a proposito del grave incidente di ieri lungo la A 14. La prima questione, continua, “riguarda il rispetto del cronoprogramma che la Società Autostrade aveva garantito per i lavori nelle gallerie del tratto indicato. Questi lavori, infatti, nelle 11 gallerie, dovevano terminare a dicembre del 2023, con l’ultimo intervento all’interno del tunnel Monterenzo e Croci, così come la stessa Società si era contrattualmente impegnata e aveva quindi garantito alle istituzione della nostra regione e anche comunicato agli stessi utenti e automobilisti”.

Si deve ,purtroppo, constatare ”come i termini di quei lavori invece non siano stati rispettati visto che il transito ancora oggi lungo quel tratto è soggetto, all’interno delle medesime gallerie, ad una serie infinita di restringimenti di carreggiata, di deviazioni di tracciato e spesso di un pericolosissimo traffico a senso alternato in un’unica direzione di marcia, ivi compresa la stessa galleria Vinci dove ieri è avvenuto l’ennesimo incidente. Perché la Società Autostrade non ha rispettato i tempi e i termini della scadenza contrattuale sulla quale si era impegnata?”.

E, di questa inadempienza, si chiede Santarelli, “ sono stati informati il Ministero delle Infrastrutture, il Governo regionale e le Istituzioni provinciali e comunali del tratto interessato? E, in tal caso, quali sarebbero i tempi di un eventuale nuovo cronoprogramma? E come mai agli utenti, anche in termini di prevenzione oltre che di corretta e dovuta informazione, invece nulla è stato comunicato?” E ancora: “quella che appare una palese inadempienza, comportava o meno forme di penalità e, eventualmente, ,sono state esse definite dal Ministero delle Infrastrutture? E quali e in che forma? Quello che la Cgil intende esprimere, insieme al cordoglio e ai sentimenti di partecipazione al dolore delle famiglie della vittima e dei feriti, è la preoccupazione su tutto questo e l’auspicio è che possa essere rapidamente chiarita”.

Secondo il segretario generale Cgil Marche, “parlare di allargamento, by pass o arretramento non esclude che la Società Autostrade debba garantire, ora, la totale e completa sicurezza di quel tratto autostradale da cui dipende la mobilità civile ed anche economica di un’intera area della regione, invece sottoposta quotidianamente a disagi e pericoli di cui sembra che nessuno alla fine ne sia mai responsabile. Conclude Santarelli: “ Invece, non solo per il numero degli incidenti ma anche per la morte di tante persone, sempre di più questa situazione fa pensare a quanto accaduto al ponte Morandi, a Genova, ma nel silenzio e senza quel clamore e accertamento delle responsabilità anche penali che in quel caso invece avvenne”.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 05-04-2024 alle 16:34 sul giornale del 06 aprile 2024 - 36 letture






qrcode