counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Protocollo sanità sindacati-Regione, Cgil Marche: "Un primo passo in avanti ma è tutto da verificare"

2' di lettura
82

“Il protocollo, firmato giovedì dalle organizzazioni sindacali CGIL CISL e UIL insieme al Presidente Acquaroli sulle relazioni sindacali in tema di sanità, rappresenta un primo importante passo in avanti nelle modalità di relazione ma è tutto da verificare rispetto agli effetti produrrà in concreto”.

E’ quanto dichiarano Giuseppe Santarelli, segretario generale Cgil Marche e Loredana Longhin, segreteria regionale Marche.

E ancora: “Ci auguriamo che la firma di questo protocollo non sia solo una formalità e l’ennesima autopromozione di questa Giunta ma che, alla base, ci sia davvero una volontà politica di discutere con il sindacato in modo chiaro e trasparente perché in gioco c’è il sistema sanitario regionale e la salute dei marchigiani”.

In questi anni, sottolineano Santarelli e Longhin, “abbiamo sempre ricercato con questa giunta un’interlocuzione costruttiva che portasse ad un confronto di merito che però non c’è mai stato. E’ stato così per la legge n. 19/22 di riorganizzazione del SSR, per il piano socio sanitario regionale approvato ad agosto 23, e le Linee di indirizzo degli atti aziendali delle AST”.

In tutte queste occasioni, “abbiamo avuto modo di esprimere le nostre perplessità e criticità sia di metodo sia di merito. Tuttavia, nulla di quanto da noi è stato detto è mai stato accolto o, in qualche modo, preso in considerazione. Abbiamo riscontrato sempre un atteggiamento di chiusura e di non volontà a trovare soluzioni condivise”.

Per la Cgil Marche, “la situazione drammatica in cui versa la sanità marchigiana, con la quale i cittadini fanno i conti ogni giorno, a partire dalle liste d’attesa, dal sovraffollamento dei Pronto Soccorso, dalle rette delle case di riposo, impone che ci sia una classe dirigente all’altezza di risolvere bene e con rapidità tutti i problemi che sono sotto gli occhi di tutti. L’accordo di per sé disciplina e regolamenta soltanto il funzionamento delle relazioni sindacali in merito alla gestione degli incontri che si programmeranno di volta in volta, individuando le priorità e la tempistica, senza per questo entrare nel merito”.

Per questo, concludono Santarelli e Longhin, “nel protocollo abbiamo inserito le priorità che devono essere affrontate e risolte grazie ad un confronto costruttivo che porti a delle scelte condivise. E’ chiaro che se la realtà dovesse smentire gli intenti, noi saremo pronti a mettere in campo ogni azione di protesta pur di garantire un servizio sanitario regionale pubblico ed efficiente per i marchigiani”.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-03-2024 alle 15:40 sul giornale del 22 marzo 2024 - 82 letture






qrcode