counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > CULTURA
articolo

Senigallia: Tornano le giornate del Fai di Primavera: Senigallia, Ostra e Serra de' Conti unite nell'archeologia

3' di lettura
118

Sarà l'archeologia il filo conduttore delle Giornate del FAI di Primavera 2024 che si terranno sabato 23 e domenica 24 marzo. E' stato presentato martedì mattina nella Consiliare del Comune di Senigallia il programma delle giornate conoscitive del Fondo Ambiente Italiano che toccherà oltre che Senigallia, anche Ostra e Serra de' Conti.

“Per questa edizione abbiamo deciso di mettere al centro il tema dell'archeologia, declinata in tutti i suoi vari aspetti e messa in rete con i comuni del territorio per dare una proposta culturale molto più significativa -spiega Maria Rosa Castelli, capo delegazione FAI di Senigallia- avremo cinque luoghi da scoprire a Senigallia, con l'area archeologica musealizzata della Fenice, l'area archeologica urbana segreta, con l'apertura di spazi privati, l'archeologia del paesaggio tra selve e frantoi a Montedoro, l'archeologia dell'agricoltura tra sacro e profano con il museo Sergio Anselmi e l'archeologia urbana tra stemmi ed epigrafi. Ad Ostra ci sarà l'archeologia multimediale con la possibilità di ammirare l'antica municipalità di Ostra mentre a Serra de' Conti l'archeologia sarà anche con reperti immaginari”.

“Quando il FAI ci ha proposto il tema dell’archeologoa siamo stati entusiasti e con docenti e studenti ci siamo adoperati per una progettualità con rivisitazioni di alcuni percorsi romani che hanno studiato durante l’anno -spiega il sindaco di Ostra Federica Fanesi- La visita parte dalla visione multimediale di come era il municipio di Ostra Antica che nei confini moderni è passato sotto Ostra Vetere”. “Noi mostreremo l'archeologia medievale con un percorso che passa attraverso il Convento di San Francesco e la chiesa romanico-gotica di San Michele scoprendene la strateficazikne nei secoli -aggiunge il sindaco di Serra de' Conti Letizia Perticaroli- saranno poi esposte in una mostra le opere di Enzo Bartocci”.

Come sempre protagonisti saranno gli studenti che faranno da ciceroni ai visitatori. Parteciperanno gli studenti del liceo scientifico “Medi” che saranno a Montedoro, gli studenti delle scuole medie "Marchetti" e "Fagnani" che illustreranno le epigrafi del centro storico di Senigallia e gli studenti delle medie di Ostra e Serra de' Conti.

“Coinvolgere tutti i territori diventa fondamentale per valorizzare il territorio -osserva il sindaco di Senigallia Massimo Olivetti- la nostra valle vanta un patrimonio archeologico importante che forse si conosce poco e per scoprire è necessario intraprendere una strada nuova. Senigallia può essere candidata anche alla archeologia industriale attraverso San Gaudenzio che ha una storia industriale importante e può essere valorizzata”. “Le giornate del FAI sono molto importanti anche perchè metto al centro i nostri ragazzi che studiano un passato che mettono a disposizione di tutti -aggiunge l'assessore alla cultura Riccardo Pizzi- venerdì alle ore 18 alla Piccola Fenica ci sarà un momento inaugurale delle giornate del FAI con il prof. Lepore e dedicato alla figura di Sergio Anselmi”. L'assessore al turismo Simona Romagnoli ha infine ribadito il “massimo impegno e disponibilità dall'Amministrazione Comunale per costruire in sinergia percorsi sempre più belli”.





Questo è un articolo pubblicato il 19-03-2024 alle 18:33 sul giornale del 20 marzo 2024 - 118 letture






qrcode