counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > CRONACA
articolo

Macerata: 26enne tenta di colpire con una mannaia il compagno della sorella della sua ex

2' di lettura
106

Scoppia una furibonda lite familiare, al culmine della quale un giovane ha tentato di colpire con una mannaia il compagno della sorella della sua ex.

Sabato sera, un cittadino di origini cubane residente nel quartiere Vergini di Macerata, ha iniziato a litigare con la sua ex compagna poiché ritenuta responsabile dall’uomo di essere uscita con le amiche lasciando a casa la propria figlia con la baby sitter.

La donna è rientrata subito a casa ma, impaurita dall’atteggiamento del suo ex, ha chiamato in aiuto la sorella che è arrivata sul posto insieme al proprio compagno. A questo punto è scoppiata tra il cubano, la sua ex e le altre due persone giunte sul posto una fuoribonda lite a seguito della quale veniva richiesto l’intervento della Volante.

Intorno all'una e mezza, i poliziotti della Volante intervenuti sul posto hanno trovato una donna, sorella dell’ex compagna della persona successivamente tratta in arresto e un uomo, visibilmente impaurito, che riferiva di essere stato inseguito poco prima da uno straniero il quale impugnando una mannaia aveva cercato di colpirlo più volte con dei fendenti, tra cui uno tirato all’altezza del collo, che era riuscito fortunatamente a schivare tra le urla e le richieste di aiuto della sua compagna e di altre persone che si trovavano sul posto. La persona offesa, riferiva ai poliziotti che l’aggressore, un 26enne di origini cubane, prima dell’arrivo della Volante era rientrato all’interno della sua abitazione con la loro figlia di tre anni.

Vista la gravità della situazione, gli agenti entravano immediatamente nell’appartamento indicato dalla donna dove trovavano l’aggressore disteso a letto, che fingeva di dormire, con accanto la propria figlia che stava dormendo. Da una rapida ispezione nell’appartamento veniva subito individuata e sequestrata la mannaia della lunghezza di circa 30 cm e dalla lama molto affilata utilizzata dall’uomo per tentare di colpire il suo rivale. Dopo successivi riscontri ed aver raccolto le dichiarazioni di alcuni testimoni, il cittadino cubano veniva tratto in arresto per il reato di tentato omicidio ed associato alla Casa Circondariale di Ancona Montacuto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.



Questo è un articolo pubblicato il 18-03-2024 alle 18:31 sul giornale del 19 marzo 2024 - 106 letture






qrcode