counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > POLITICA
articolo

Fano: Inaugurata la sede elettorale di Forza Italia. Serfilippi: “Vogliamo vincere al primo turno” [FOTO]

4' di lettura
94

“Una sede umile, ma in un posto molto bello”. Così l’assessore regionale forzista Stefano Aguzzi ha definito la nuova ‘casa’ fanese del suo partito. È stata infatti inaugurata sabato mattina la sede elettorale di Forza Italia in vista delle prossime elezioni amministrative. “Un luogo a disposizione delle persone, perfetto per i banchetti che faremo”, ha aggiunto l’ex sindaco di Fano.

Si trova in via Cavour al civico 53, a uno degli ‘ingressi’ del centro storico. “Un posto anche per ricevere i consigli dei cittadini”, ha spiegato la commissaria fanese del partito Fiammetta Rinaldi. Ma come sempre avviene in questi casi, il taglio del nastro della sede elettorale è stata anche l’occasione per arringare i presenti, durante una campagna elettorale già ‘a fuoco alto’. “Fano – ha proseguito Rinaldi – ha bisogno di un governo nuovo. Esce sfibrata e divisa per colpa del centrosinistra, che ha dimostrato tutti i suoi limiti anche durante le trattative preelettorali. Con noi, invece, i fanesi avranno una garanzia di stabilità e di moderazione, come già avviene negli altri livelli. Noi non facciamo della mera propaganda, i risultati li sbandieriamo soltanto quando sono stati realizzati. Siamo qui per ribadire il nostro impegno. Forza Italia ha appena raddoppiato i consensi in Abruzzo, e farà la sua parte anche in Europa”. Anche per Aguzzi, d’altronde, “è fondamentale che il partito abbia una sua rappresentanza a Bruxelles”.

La panoramica politica ha trovato spazio anche nelle parole dell’onorevole e commissario regionale Francesco Battistoni. “Dalle ultime elezioni regionali – ha detto – abbiamo acquisito una grande fiducia. In Sardegna abbiamo perso soltanto per via del voto disgiunto, ma noi abbiamo portato a casa tanti voti in più rispetto alle politiche. Ci davano per morti, invece restiamo il centro di gravità permanente del centrodestra. Gli eredi di Berlusconi siamo tutti noi, e Luca è un interprete autorevole di quella politica che può cambiare questa città. Con lui, poi, si attiverebbe anche una filiera istituzionale costruttiva con il centrodestra già al potere in Regione e al governo”.

Già, Luca. Perché all’inaugurazione non poteva mancare Serfilippi, giovane candidato a sindaco della coalizione, che il commissario fanese del partito Enzo di Tommaso - dopo aver espresso grandi elogi per Antonio Tajani come nuova guida del partito - ha definito “un bravo ragazzo, capace e che piace alle città”. Probabilmente le caratteristiche che hanno spinto il suo partito – la Lega – a un pressing durato mesi, e allo stesso presidente della Regione Francesco Acquaroli a dare quel ‘colpetto’ finale affinché il candidato diventasse proprio lui. Già in corso gli incontri con le associazioni e nei quartieri. “Vedo una presenza diffusa da parte della città – ha proseguito Aguzzi -, e questo mi riporta indietro negli anni, a quando il candidato ero io e gli altri venivano a Fano ‘per capire come si vince’. Siamo partiti con il piede giusto. E mi fa piacere che il candidato sia Luca – ha aggiunto nonostante fino all’ultimo Forza Italia abbia spinto per avere in corsa proprio l’ex sindaco -, e ricordo ancora quando ci siamo conosciuti. Eravamo di fronte alla sede dell’Avis di Fano, gli ho proposto di fare il consigliere comunale, e dopo due anni l’assessore. È diventato tutto rosso. Poi ha preso la sua strada, ma per me resta un seme piantato quindici anni fa e che ora sta portando i suoi frutti”, ha concluso spendendo anche lui delle bellissime parole per Tajani, definendolo “una delle migliori personalità politiche mai avute in Italia”.

A prendere la parole – e non poteva essere altrimenti – è stato anche lo stesso Serfilippi. “Penso che Forza Italia farà un gran risultato alle elezioni – ha detto -, grazie soprattutto al suo radicamento nella città. Si respira entusiasmo. Noi prima di decidere ascoltiamo, senza riempirci la bocca con le cose non fatte. Non promettiamo la luna, ma cerchiamo di volta in volta di capire le esigenze e di tramutarle in fatti mettendo in gioco le nostre competenze. Ringrazio tutti per il supporto. Parleremo con tutti. Vogliamo cambiare la città – ha concluso – e lo faremo cercando di vincere al primo turno".





Questo è un articolo pubblicato il 17-03-2024 alle 21:03 sul giornale del 18 marzo 2024 - 94 letture






qrcode