counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
articolo

Fano: Nuovo asilo nido ‘Girasole’ al Vallato, posata la prima pietra: “Tutto pronto entro fine 2025” [FOTO]

2' di lettura
78

Sarà moderno, bello e accessibile. Accoglierà 45 bambini nelle sue tre sezioni, fornendo risposte a un quartiere popoloso come il Vallato e non solo. È il nuovo asilo nido comunale ‘Girasole’ di Fano, per cui i verbi coniugati al tempo futuro sono però ancora d’obbligo. Intanto, venerdì mattina, è stata posata la prima pietra dando simbolicamente avvio al cantiere. Che dovrebbe concludersi entro fine 2025.

Presenti, tra gli altri, l’assessore ai servizi educativi Samuele Mascarin, l’assessora ai lavori pubblici Barbara Brunori e il vicesindaco Cristian Fanesi, oltre al dirigente comunale Ignazio Pucci e al dirigente scolastico Michele Lucarini. Insieme ai bambini hanno vissuto un piccolo momento di festa, durante la quale l’amministrazione comunale ha aggiunto un’altra importante tessera al mosaico dell’edilizia scolastica realizzato in questi anni dieci anni.

Periodo durante il quale Il Comune rivendica di aver messo in campo un investimento complessivo di 13 milioni di euro. Di 1,936 milioni, invece, il costo del nuovo ‘Girasole’, che sorgerà a fianco di dove è stato abbattuto il vecchio. In questo caso, quasi 1,63 milioni sono arrivati grazie al Pnrr. Soddisfatto il sindaco Massimo Seri, che in una nota ha parlato del consolidamento di un impegno “per contribuire alla crescita armoniosa di una comunità più forte e inclusiva”.

A raccontare con orgoglio sul posto quanto fatto finora è stato invece l’assessore Mascarin. “Abbiamo messo in campo investimenti senza precedenti nella nostra città – ha detto -, se consideriamo anche i cantieri per il Polo 0-6 anni di Cuccurano e il nuovo asilo nido a Bellocchi, che insieme garantiranno 120 nuovi posti 0-3 anni aumentando di oltre il 40 per cento la capacità di accoglienza delle strutture comunali”.

Bellezza e qualità della vita sono invece i fattori su cui ha puntato l’assessora Brunori. “Ogni singolo spazio – ha spiegato - si collega alle aree verdi presenti. Inoltre, questi nuovi edifici verranno realizzati con materiali sostenibili a basso impatto ambientale, per tutelare la salute di coloro che ne godranno".





Questo è un articolo pubblicato il 15-03-2024 alle 14:14 sul giornale del 16 marzo 2024 - 78 letture






qrcode