counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Case popolari, Biancani (PD): "Nelle Marche 1592 alloggi Erap ancora vuoti"

3' di lettura
122

biancani

"Accelerare sul ripristino del patrimonio esistente, Erap Marche dispone di 1592 alloggi vuoti, di cui 265 nella provincia di Pesaro-Urbino". Il Vicepresidente del Consiglio regionale, Andrea Biancani (Pd), comunica i dati aggiornati sugli alloggi di edilizia residenziale pubblica, sollecitati da una sua interrogazione discussa nell'ultima seduta consiliare.

"Gli alloggi di proprietà dell'Erap o gestiti da Erap – puntualizza Biancani, richiamando la risposta ottenuta in Aula – sono in totale 16080, di questi 3324 sono collocati nella nostra provincia. Nel Comune di Pesaro le case Erap, non disponibili perché necessitano di interventi di manutenzione, sono 41, di queste 15 entro il 2024 saranno riqualificate e rimesse a disposizione dell'amministrazione per essere assegnate alle famiglie. A Vallefoglia gli alloggi vuoti sono 9, di questi 5 saranno ripristinati entro l'anno. Risulta inoltre che 33 Comuni sono ancora privi di graduatorie, mentre una decina stanno concludendo l'iter".

"Da anni, attraverso interrogazioni e atti in Consiglio regionale, sollecito la Regione per investimenti per il recupero degli immobili vuoti. La Regione ora si è impegnata ad investire 1,5 milioni di euro nella provincia di Pesaro-Urbino per mettere a dispozione circa 140 alloggi sfitti, di cui una parte anche a Pesaro e Vallefoglia. Considerando che mediamente per riqualificare una casa Erap servono tra i 10 e i 15mila euro, basterebbero poco più di 3milioni di euro per ripristinare tutti quelli attualmente inutilizzabili (265). Ci sono migliaia di persone in attesa di un alloggio, solo a Pesaro sono almento 400. Con poche migliorie queste case sarebbero disponibili in poco tempo. Se aspettiamo la realizzazione di complessi ex novo, serviranno anni e anni. La Regione dovrebbe investire massicciamente sulla manutenzione degli immobili per dare risposta a decine di cittadini in difficoltà. Prioritario è il recupero del patrimonio edilizio esistente o in disuso per evitare il consumo di suolo e assegnare le case in tempi più brevi. Cito come esempio la realizzazione degli alloggi a Pesaro in Via delle vetrerie o nell'ex Manicomio, per destinarli alle persone socialmente più fragili".

"Il problema casa – termina Biancani - negli ultimi anni si è aggravato per il peggioramento della situazione economica di tante famiglie, a causa dell'inflazione, del caro bollette, così come di eventi meteo sempre più impattanti. Sugli affitti va segnalato che se qualche anno fa, un contributo all’affitto sul mercato privato avrebbe dato risposta a tanti cittadini, oggi, sarebbe forse poco efficace, visto che sta diventando difficile anche per persone con disponibilità economica trovare casa in affitto e molti proprietari rifiutano le domande delle persone più in fragili. Per questo serve sistemare gli alloggi esistenti e metterli a disposizione, perché sono diminuiti anche gli alloggi nel mercato privato. Nessuna novità rispetto all'attivazione dell’Osservatorio sulle politiche abitative, fondamentale per avere una quadro dettagliato sulle emeregenze abitative per orientare gli investimenti nella giusta direzione".

L'interrogazione è stata sottoscritta anche dalla consigliera Micaela Vitri e dal gruppo Pd.



biancani

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-03-2024 alle 09:42 sul giornale del 11 marzo 2024 - 122 letture






qrcode