counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Fano: centro storico, nel weekend stop alla musica all'1 di notte. Le nuove regole

3' di lettura
296

Nell’ultimo Consiglio comunale di Fano è stata approvata una modifica al regolamento di Polizia Urbana che introduce gli orari di spegnimento della musica in Centro Storico.

Queste le novità principali: gli intrattenimenti musicali negli esercizi pubblici saranno consentiti il venerdi, sabato e prefestivi fino alle 01.00 del giorno successivo. Mentre il lunedì, martedì, mercoledì, giovedì e domenica fino alle 24. Va precisato che la soglia massima di emissione sonora non può eccedere limiti previsti dalla classificazione acustica del territorio comunale. Quella approvata è una “norma ponte” in attesa di una regolamentazione più compiuta sull'acustica e nell'attesa di formare personale interno all'ente abilitato in rilevazioni fonometriche; dotazione di personale interno affinché l'ente possa operare in autonomia sopperendo di fatto ai doveri della Regione Marche che oramai da anni non investe sul personale di ARPAM che pertanto non riesce a coprire le esigente dei rilievi acustici per quanto di competenza, la Regione quindi lascia i territori del tutto soli in merito al controllo dei decibel. Si è voluto introdurre un elemento "premiante” per quei locali che investono in strumentazione insonorizzante che, attraverso le nuove tecnologie, non arrecano disturbo sonoro alle abitazioni limitrofe, per questi soggetti vale il rispetto dei decibel dimostrati e non gli orari di spegnimento: quindi non si applica in caso di trattenimento musicale all'interno del locale qualora l'esercente abbia installato all’esterno (in posizione tale da consentire una costante e immediata visione del valore dei decibel rilevati) sistemi certificati di rilevazione delle emissioni sonore e il locale sia munito di idonea insonorizzazione certificata, da allegare alla SCIA per l’intrattenimento musicale, e tale da impedire l'emissione sonora all'esterno del locale oltre i limiti previsti dalla classificazione acustica del territorio comunale.

L’Assessora alla Polizia Locale Sara Cucchiarini commenta: “Il regolamento di Polizia Urbana è lo strumento per disciplinare il buon vivere cittadino che abbiamo deciso di mettere a disposizione ed emendare per trovare risposte pragmatiche ad alcune delle diverse questioni problematiche che si sono riscontrate in Centro storico. Abbiamo condotto un percorso di ascolto e mediazione di oltre un anno che ha visto il coinvolgimento di residenti, associazioni di categoria, dirigenti, assessori e consiglieri comunali che hanno preso in carico l’onere innanzitutto di un dialogo utile al comune obiettivo di addivenire a quello che abbiamo definito un Patto di Convivenza, dove: le attività produttive possano lavorare, i residenti possano vivere in un ambiente vivo e non molesto, gli eventi e le manifestazioni attrattive del turismo si possano svolgere in un clima che valorizzi la pregevolezza del nostro salotto buono”. Questo è un altro piccolo passo verso una cultura del rispetto e della civile convivenza”.

L'assessora Cora Fattori precisa: “Abbiamo voluto tutelare le esigenze di tutti trovando un punto di incontro che fosse in linea con le aspettative sia degli esercenti sia dei cittadini. Ovviamente, questa amministrazione è amica dell’ambiente e vuole contrastare l’inquinamento acustico”. Lucarelli invece dichiara: “questo percorso ha trovato il coinvolgimento del Tavolo Economico che ha collaborato a trovare una sintesi. Facciamo del dialogo un punto cardine dell’attività amministrativa”. Per il presidente di Commissione Nicolelli: “Da un lato spingiamo gli esercenti ad investire su strumentazioni di ultima generazione, dall’altra abbiamo cercato di creare un perimetro normativo dentro cui dare regole chiare nell’ottica di una convivenza tra tutti i soggetti chiamati in causa”.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-03-2024 alle 23:33 sul giornale del 07 marzo 2024 - 296 letture






qrcode