counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > CRONACA
articolo

Fabriano: Avvicinano un anziano per derubarlo, pronto intervento dei poliziotti che evitano il "furto con abbraccio"

2' di lettura
98

I Poliziotti del Commissariato di P.S. di Fabriano hanno interrotto un'azione criminosa in danno di un fabrianese che ha portata alla denuncia di due giovani donne all'autorità giudiziaria.

Il fatto di riferimento è avvenuto una mattina dello scorso fine settimana quando l’attenzione di una pattuglia del Settore Anticrimine del Commissariato cittadino, in servizio di perlustrazione nell’area del centro storico e specificatamente presso i Giardini Regina Margherita, era attirata da una giovane donna che, con atteggiamento lascivo, si proponeva nei confronti di un anziano che passeggiava lungo i viali interni del verde pubblico. Dopo qualche minuto di appostamento riservato, i Poliziotti si avvedevano di una seconda giovane donna che, ad una ventina di metri dalla prima, si proponeva verbalmente nei confronti degli altri frequentatori del giardino, come a voler proporre azioni di disturbo che convincessero questi ultimi a cambiare direzione non avvicinando la prima donna e l’anziano “agganciato”.

Di lì a qualche minuto, la prima donna convinceva l’anziano a sedersi su una panchina sedendosi lei stessa vicino: lo accarezzava lungo le braccia e le spalle e l’uomo restava immobile. I due, quindi, venivano avvicinati dalla seconda donna che, da dietro, accarezzava l’uomo sul collo slacciandogli i primi bottoni della camicia indossata. Ritenendo prossima una azione criminosa finalizzata all’appropriazione furtiva di beni in danno dell’anziano, i Poliziotti decidevano di intervenire per interromperne l’evoluzione e la consumazione del reato, come imposto dalla Legge.

Le due donne, sorprese dalla velocità dell’esecuzione, si mostravano particolarmente reattive: entrambe iniziavano ad offendere pesantemente i Poliziotti quindi ponevano in essere azioni energiche di resistenza difronte all’invito a recarsi in Commissariato di Polizia per la compiuta identificazione. Ciò costringeva gli Agenti all’accompagnamento previsto dalla normativa vigente con avviso all'autorità giudiziaria. Le due donne, una 34enne ed una 31enne, comunitarie, dimoranti in Roma, risultavano avere specifici precedenti per reati contro il patrimonio commessi con destrezza in occasione di avances di natura sessuale (“tecnica dell’abbraccio”) oltre ad essere state raggiunte, nel tempo, da provvedimenti di foglio di via obbligatorio da diverse città italiane.

L’uomo coinvolto dalla vicenda, un fabrianese 75enne, resosi conto del pericolo che aveva appena passato, affermava di non avere subito alcuna asportazione furtiva di beni in suo possesso e ringraziava gli Agenti di non averlo permesso, aggiungendo di essersi sentito, nei frangenti descritti, come ipnotizzato. Per le due donne, una denuncia all'autorità giudiziaria per oltraggio e resistenza a Pubblico Ufficiale oltre all'ipotesi di tentativo di furto con destrezza. Il Questore Cesare Capocasa, nelle prossime ore, valuterà l’applicazione di misure di prevenzione a carico delle due donne atte a tutelare la sicurezza e la tranquillità dei fabrianesi.



Questo è un articolo pubblicato il 02-03-2024 alle 19:36 sul giornale del 04 marzo 2024 - 98 letture






qrcode