counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > CRONACA
articolo

Civitanova: Lavoro nero e mancata sicurezza: sequestrata una barberia a Civitanova, sospese attività a Montecosaro e Morrovalle

2' di lettura
164

Controlli in esercizi commerciali e opifici, scattano prescrizioni e sospensioni, sequestrata una barberia.

I carabinieri del Nil (Nucleo Ispettorato del Lavoro) di Macerata nell’ultimo periodo hanno eseguito una serie di controlli a opifici, esercizi commerciali e attività per la cura della persona eseguendo cinque sospensioni di attività imprenditoriali e un sequestro preventivo.

A Civitanova è stato eseguito il sequestro preventivo di un’attività di barberia gestita da un egiziano che era stata sospesa nel mese scorso per aver impiegato manodopera irregolare e senza permesso di soggiorno, per gravi violazioni in materia di sicurezza e per non aver mai provveduto alla redazione dei documenti obbligatori inerenti la sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro. In accordo con la Procura di Macerata, l’immobile è stato sottoposto al sequestro preventivo.

A Montecosaro i militari del Nil, unitamente ai colleghi della locale Stazione, hanno proceduto alla sospensione di un opificio gestito da cinesi per gravi violazioni in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro. Al termine degli accertamenti sono state elevate 17 prescrizioni inerenti violazioni in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro come l’omessa redazione del documento di valutazione dei rischi, l’omessa visita medica dei lavoratori, l’omessa consegna dei dispositivi individuali di protezione e l’omessa informazione dei lavoratori.

A Morrovalle i carabinieri hanno operato insieme agi agenti della polizia locale controllando 3 attività etniche di commercio al dettaglio di alimenti. Al termine degli accertamenti tutte e tre le attività sono state sospese e sono state elevate complessivamente 15 prescrizioni inerenti violazioni in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro ed in particolare l’omessa redazione del documento di valutazione dei rischi, l’omessa visita medica dei lavoratori, l’omessa consegna dei dispositivi individuali di protezione e l’omessa informazione dei lavoratori.



Questo è un articolo pubblicato il 02-03-2024 alle 19:36 sul giornale del 04 marzo 2024 - 164 letture






qrcode