counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Poste, Governo vende quote. Slc Cgil: "Marche più penalizzate. A rischio chiusura buona parte uffici e posti di lavoro"

1' di lettura
266

Poste italiane: rischio chiusura per buona parte dei 406 uffici postali nelle Marche, a partire da quelli siti nelle aree più disagiate come quelle del post sisma.

E, a rischio, anche gli attuali posti di lavoro. Dal 2016, il personale è diminuito di più di 800 unità passando da 3657 a 2821; su questo fronte, le Marche sono state tra le regioni più penalizzate in Italia, con una riduzione di quasi il 20% di organico.

E’ questa la preoccupazione di Slc Cgil Marche, dopo che il Governo ha deciso di vendere le quote azionarie dell’azienda. Per questo motivo, il sindacato ha deciso di scrivere una lettera aperta alla cittadinanza per illustrare tutti i disagi legati a questa scelta che porterà l’azienda ad essere svenduta a interessi privati.

“L’ingresso di ulteriori capitali privati impone le logiche del profitto – chiarisce Annalisa Marini, coordinatrice regionale servizi postali, Slc Cgil Marche -; la rincorsa al contenimento dei costi produrrebbe ulteriori tagli al personale e alla chiusura degli uffici postali, soprattutto nelle aree periferiche e nei piccoli comuni. Senza contare i disagi per la collettività”. Non solo. “Ci saranno problemi con la gestione del Risparmio nel senso che, con i privati, il patrimonio di ricchezza dei cittadini non sarebbe più al sicuro”. Infine, non sarà al sicuro anche la privacy considerando che le Poste sono la più grande azienda digitale e il più significativo gestore di dati personali del Paese.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-02-2024 alle 16:28 sul giornale del 23 febbraio 2024 - 266 letture






qrcode