counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > CRONACA
articolo

Fabriano: In giro per il centro commerciale con la pistola nei pantaloni: era un giocattolo

2' di lettura
64

polizia pesaro

Il Questore di Ancona Cesare Capocasa colpisce con un DASPO urbano un residente in città.

Il fatto di riferimento si è verificato alcuni giorni fa quando numerose segnalazioni pervenivano alle sale operative del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Fabriano e della Polizia Locale circa un uomo che si aggirava nei pressi ed all’interno di un noto centro commerciale cittadino che deteneva una pistola il cui calcio fuoriusciva da sotto il giaccone indossato. Le segnalazioni ingeneravano nei numerosi clienti del centro commerciale, che lì si ritrovano numerosi durante i pomeriggi dei fine settimana, allarme ed inquietudine. A più riprese, le unità mobili dei comandi interessati convergevano nella zona indicata anche contattando gli addetti alla vigilanza del centro commerciale ma non riuscendo ad individuare il soggetto segnalato.

All’ennesimo avvistamento, finalmente, una unità operativa della sezione giudiziaria della Polizia Locale, diretta dal Comandante Cataldo Strippoli, riusciva nella localizzazione del soggetto che si aggirava per i corridoi dell’area commerciale. Dopo averlo avvicinato, con la necessaria cautela ed adottando ogni misura di sicurezza necessaria alla tutela dei cittadini presenti, prendevano contezza della presenza dell’arma, inserita nella cintola dei pantaloni. Immediatamente tolta dalla disponibilità dell’uomo verificavano, quindi, che era una arma giocattolo di accurate fattezze e capace di essere naturalmente scambiata per una pistola vera.

Durante le successive operazioni di identificazione, l’uomo, un soggetto comunitario 52enne, da anni residente a Fabriano, disoccupato, con qualche piccolo pregresso nei confronti della giustizia, si lasciava andare ad offese e pesanti minacce nei confronti degli Agenti di Polizia Locale. Sui motivi della detenzione “manifesta” della pistola, l’uomo non si esprimeva. Al termine della attività posta in essere, gli operanti lo segnalavano alla Autorità Giudiziaria per i reati di procurato allarme, oltraggio e minaccia a Pubblico Ufficiale.

Il fatto veniva, quindi, ripreso dai Poliziotti del Commissariato fabrianese il quale, dopo aver istruito circa i pregressi del soggetto e fornito elementi prognostici necessari alla successiva valutazione, lo proponevano alla Divisione Anticrimine della Questura di Ancona per l’adozione di una idonea misura di prevenzione. Questa veniva individuata nel DACUR, spesso chiamato “daspo urbano”, il quale, dopo la firma del Questore di Ancona Cesare Capocasa (Autorità di Pubblica Sicurezza alla quale la legge riconosce il potere di valutazioni di pericolosità finalizzate alla adozione delle misure di prevenzione) veniva notificato al 52enne. In ragione del provvedimento adottato, questi, oltre alla denuncia giudiziaria, non potrà accedere al centro commerciale né stazionare nelle sue immediate vicinanze per un anno: la violazione del dispositivo comporterà una pena detentiva da 1 a 3 anni oltre ad una sanzione pecuniaria da 10mila a 40 mila euro.



polizia pesaro

Questo è un articolo pubblicato il 22-02-2024 alle 15:36 sul giornale del 23 febbraio 2024 - 64 letture






qrcode