counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

La AST Pesaro Urbino: 17 milioni di investimenti per nuove apparecchiature e adeguamento strutturale

5' di lettura
324

acquaroli saltamartini storti

Quasi 17 milioni di euro di investimenti tra apparecchiatura sanitaria e interventi di adeguamento strutturale, trend in crescita dei ricoveri programmati con l’aumento del 4,5% di mobilità attiva, oltre 400.000 prestazioni ambulatoriali in più rispetto al 2022 con oltre un 1.500.000 impegnative erogate, potenziamento dei servizi territoriali e obiettivi Pnrr raggiunti.

Questo il bilancio del primo anno della neonata Azienda Sanitaria Territoriale di Pesaro Urbino, l’unica che ha richiesto un’integrazione tra due realtà distinte generata dalla riforma regionale di organizzazione del sistema sanitario.

I risultati sono stati presentati questa mattina a Palazzo Raffaello nel corso di una conferenza stampa, alla presenza del presidente della Regione Marche, Francesco Acquaroli, dell’assessore alla Sanità, Filippo Saltamartini, di Aldo Salvi, sottosegretario alla presidenza della Giunta regionale, e della direttrice generale della AST PU Nadia Storti.

“Questi incontri che stiamo organizzando per illustrare il lavoro compiuto dalle AST dopo la riforma sanitaria regionale – ha detto Acquaroli – rappresentano momenti di utile confronto e tali da offrire un significativo aiuto sia ai cittadini marchigiani che agli stessi operatori per focalizzare meglio l’importanza della riforma e per cercare di mettere in campo i progetti e gli obiettivi che la riforma stessa si pone”.

“È una riforma – ha insistito Acquaroli – che impiega tantissime risorse per ricostruire una sanità sul territorio che possa essere all'altezza delle aspettative dei cittadini, degli utenti, dei pazienti. La sanità offre oggi uno scenario complesso ma siamo convinti che con le professionalità presenti all’interno delle nostre aziende, con la riforma e con una maggiore sinergia fra sanità territoriale e sanità ospedaliera, potremmo colmare quel gap e restituire punti di riferimento solidi ai cittadini marchigiani e alla comunità”.

“La sfida per la politica sanitaria della Regione Marche - ha dichiarato il vice presidente della Giunta e assessore alla Sanità, Filippo Saltamartini - è quella di dotare l'Azienda Sanitaria Territoriale di Pesaro Urbino dei servizi che negli ultimi anni i cittadini di quell'area hanno domandato in parte anche all'Emilia-Romagna. Gli interventi che abbiamo messo in campo tendono a potenziare soprattutto i servizi territoriali: l'accentramento nell'unico ospedale a Pesaro, infatti, aveva creato uno sbilanciamento dei servizi sul territorio, per questo il nostro impegno come Regione è quello di riequilibrare il sistema, approfittando dei fondi PNRR, con gli ospedali di comunità e con una offerta più ampia, oggettivamente potenziata, che parte da Sassocorvaro, Macerata Feltria, Fossombrone, Cagli e arriva fino a Pergola, integrandosi con i tre hub di primo livello, ovvero gli ospedali di Urbino, Pesaro e Fano”.

“L'ospedale di Pesaro - ha aggiunto Saltamartini - seppure inquadrato come struttura di primo livello, vanta anche alcune specializzazioni di secondo livello, e la sfida, con l'atto aziendale che l'AST di Pesaro Urbino adotterà nelle prossime settimane, è quella di restituire i servizi ai cittadini di una delle più importanti province della nostra regione”. “Abbiamo investito su Sassocorvaro - ha aggiunto - per garantire cure mediche e micro chirurgia, stiamo ragionando con Kos su Macerata Feltria e abbiamo potenziato Fossombrone e Cagli: in tre anni abbiamo apportato grandi cambiamenti, l'impegno della Regione per la sanità della provincia di Pesaro Urbino è chiaro e inequivocabile”. “Le linee di indirizzo per l'emanazione degli Atti Aziendali delle AST sono all'esame della Commissione salute - ha concluso - e in Giunta abbiamo approvato la bozza di delibera sul regolamento per il funzionamento dell'assemblea dei sindaci, strumento democratico di partecipazione”.

“Ad un anno dalla sua istituzione – ha spiegato la direttrice Storti – grazie ai finanziamenti regionali, abbiamo rinnovato le attrezzature legate alla diagnostica per immagini con investimenti importanti sulle tre risonanze e mammografi di ultima generazione. Un cambiamento importantissimo sia per il miglioramento della qualità delle cure sia per la riduzione delle liste di attesa. Il lavoro più importante su cui ci stiamo concentrando è quello di invertire il trend della mobilità passiva che parte soprattutto dall’aumento dei ricoveri programmati, in particolare nella chirurgia ortopedica che già segna un trend di crescita di oltre il 5% legato al reparto dell’Ospedale di Urbino e all’attività complessa degli interventi, garantita dall’ausilio di tecnologie all’avanguardia come il robot ‘Da Vinci’”.

“La sfida della sanità nella provincia di Pesaro Urbino – ha ribadito il presidente della Regione - è particolarmente sentita. Il lavoro che sta portando avanti la direttrice Storti è ottimo ed i dati ce lo confermano, specialmente quelli relativi alla mobilità attiva”.

Un’azienda che torna ad essere attrattiva anche dai professionisti sanitari, con un incremento di adesioni ai bandi pubblicati per le assunzioni: 23 concorsi, 281 domande per 58 posti. Sono numeri che danno una prospettiva importante e linfa per i prossimi mesi”.

Nel corso dell’ultimo anno, oltre ad importanti investimenti su tecnologie e strutture, particolare attenzione è stata rivolta ad una integrazione funzionale tra gli ospedali per acuti e i servizi territoriali con l’attivazione degli ambulatori degli infermieri di comunità in diversi Comuni dell’entroterra e la costruzione dei tre punti salute, insieme all’avviamento di diversi ambulatori specialistici distribuiti su tutto il territorio provinciale e l’incremento delle prese in carico post ricovero e dei percorsi di cura per le diverse patologie croniche.

Importanti anche i numeri degli screening oncologici dove spicca l’attività per la prevenzione del tumore alla mammella con 27.229 mila inviti e una risposta che supera il 50%, con 15.150 prestazioni erogate. La campagna di vaccinazione ha registrato una partecipazione importante da parte dei medici di base che hanno somministrato oltre 46 mila vaccini antinfluenzali e più di 5.300 anti Covid.



acquaroli saltamartini storti

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-02-2024 alle 08:07 sul giornale del 18 febbraio 2024 - 324 letture






qrcode