counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > CRONACA
articolo

Recanati: Porto Recanati: arrestato a San Severo l’autore di due furti in gioielleria

2' di lettura
250

Esecuzione della misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di un pregiudicato originario del foggiano, ritenuto responsabile di due furti in una gioielleria porto recanatese.

Il pregiudicato trentenne è stato arrestato questa mattina (1° febbraio) dai carabinieri, presso la sua abitazione di San Severo in provincia di Foggia.

Nel mese di dicembre scorso, infatti, in ben due occasioni, l’uomo si era recato nel negozio di un noto gioielliere del centro, con il pretesto di visionare dei preziosi e, dopo aver distratto la commessa, è riuscito ad appropriarsene e a dileguarsi, facendo perdere le proprie tracce. Nelle due circostanze, è riuscito a portar via prima una collana dal valore di circa 2000 euro e, successivamente, monili in oro per il valore di 500 euro.

Le indagini serrate condotte dai carabinieri di Porto Recanati, coordinate dalla Procura della Repubblica di macerata, si sono subito concentrate sull’analisi del sistema di videosorveglianza della gioielleria e sulla descrizione del malfattore fornita dalla vittima.

A nulla è valso il tentativo dell’uomo di camuffare il volto con un cappellino da baseball ed una mascherina.

A condurre gli investigatori sulle sue tracce sono stati due vistosi ed inconfondibili tatuaggi sul dorso della mano che ne hanno permesso l’individuazione da parte dei carabinieri essendo già schedato poiché responsabile di altri furti simili, ed il riconoscimento senza ombra di dubbio, da parte della commessa della gioielleria.

Questa mattina, alle prime luci dell’alba, il presunto autore del furto di gioielli è stato raggiunto presso la propria abitazione di San Severo, dai carabinieri del comando stazione di Porto Recanati, che gli hanno notificato l’ordinanza di misura cautelare emessa dal Gip, sottoponendolo agli arresti domiciliari e applicandogli, come previsto dal giudice, il braccialetto elettronico di sorveglianza.

L’arrestato dovrà rispondere dinanzi all’Autorità Giudiziaria dei furti perpetrati a Porto Recanati.

Le contestazioni sono, al momento, provvisorie e la responsabilità penale dell’indagato sarà accertata solo all’esito del giudizio. Tuttavia, i carabinieri sono al lavoro per cercare di capire se si sia reso responsabile di analoghi reati in altri comuni limitrofi.





Questo è un articolo pubblicato il 01-02-2024 alle 20:49 sul giornale del 02 febbraio 2024 - 250 letture






qrcode