counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > CRONACA
articolo

Urbino: Trovate ossa umane a Ca' Staccolo: potrebbero essere di Maurizio Cesaroni, il fanese scomparso a giugno

1' di lettura
2050

Sono state ritrovate in una zona boschiva delle ossa umane che potrebbero appartenere a Maurizio Cesaroni, l’ex pizzaiolo fanese scomparso lo scorso 25 giugno.

Il rinvenimento lo si deve a un cacciatore che, lunedì pomeriggio, si stava aggirando in località Ca’ Staccolo, nell’urbinate. L’uomo ha avvisato i carabinieri della locale stazione, che una volta sul posto si sono accertati di trovarsi realmente di fronte a un teschio umano.

Grazie al personale specializzato del comando provinciale di Pesaro e ai vigili del fuoco del posto è stata eseguita un’ulteriore ispezione nei dintorni. Sono state così ritrovate anche delle ossa riconducibili ad arti superiori e inferiori, uno scarpone con all’interno le ossa di un piede, una maglia, un pantalone e un marsupio. All’interno di quest’ultimo vi era un portafogli con dei documenti: quelli di Cesaroni, scomparso a giugno dall’ospedale di Urbino e mai più ritrovato. Il caso era finito anche a ‘Chi l’ha visto?’, il noto programma di Rai Tre che si occupa di persone scomparse.

La sparizione del 68enne, pizzaiolo ora in pensione, era stata denunciata dai familiari ai carabinieri di Fano. Inutili le ricerche dell’uomo, che stava attraversando un periodo difficile per questioni economiche. L’esito finale spetterà comunque agli esperti della medicina legale, per accertarsi in modo scientifico che le ossa – sequestrate e tuttora a disposizione della procura – fossero davvero di Cesaroni.





Questo è un articolo pubblicato il 12-12-2023 alle 12:58 sul giornale del 13 dicembre 2023 - 2050 letture






qrcode