counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > CRONACA
comunicato stampa

Ancona: Una famiglia con poco fairplay: Padre e figlio colpiti da Daspo dopo una rissa ad una partita tra under 14

2' di lettura
84

calcio

Padre e figlio durante la fase di gioco, a causa dell’esultanza di un giovane tifoso ospite, cominciavano ad insultare gravemente due tifosi dell’altra squadra presenti sugli spalti, giungendo al punto di aggredirli fisicamente con pugni al petto

Il Questore di Ancona, Dr. Cesare Capocasa, nell’ambito delle attività volte ad impedire fenomeni di violenza in occasione di manifestazioni sportive, ha firmato - ai sensi dell’art. 6 Legge nr. 401 del 13 dicembre 1989 e successive modificazioni - due provvedimenti elaborati dall’Ufficio Misure di Prevenzione Divisione Anticrimine di Ancona di divieto di accesso ai luoghi del territorio nazionale, ove si svolgono tutte le manifestazioni sportive di calcio di qualsiasi categoria, organizzate dalle federazioni sportive e dagli enti e organizzazioni riconosciuti dal Comitato Olimpico Nazionale italiano, compresa la squadra nazionale di calcio.

I D.A.S.P.O. sono stati disposti nei confronti di due tifosi della G.L.S. DORICA PORTUALI, entrambi anconetani, residenti in questo capoluogo, i quali in occasione dell’incontro di calcio della categoria Under 14 “ GLS DORICA PORTUALI” di Ancona vs “ Biagio NAZZARO” di Chiaravalle , lo scorso 11 novembre, presso il campo Sportivo Comunale “ Stefano Giuliani” sono stati ritenuti responsabili di condotte pericolose per l’ordine e la sicurezza pubblica. In particolare, durante la fase di gioco, a causa dell’esultanza di un giovane tifoso ospite, i predetti cominciavano ad insultare gravemente due tifosi dell’altra squadra presenti sugli spalti, giungendo al punto di aggredirli fisicamente con pugni al petto.

Per i fatti narrati entrambi i soggetti sono stati deferiti alla locale A.G. da personale della DIGOS per il reato di lesioni in concorso.

L’episodio aveva destato particolare allarme sociale, determinando la necessità di intervento delle Volanti- con due pattuglie- per riportare la calma, oltre al personale della DIGOS.

Grazie alle immagini registrate da un tifoso presente ai fatti i presunti responsabili sono stati successivamente identificati con assoluta certezza e deferiti all’A.G. per quanto di competenza. I soggetti, colpiti dai provvedimenti non potranno accedere alle manifestazioni sportive per un anno.

Il Questore di Ancona: “ Lo sport deve essere strumento per insegnare ai nostri giovani la capacità per affrontare e risolvere i problemi e le avversità che possono presentarsi nella vita. Lo sport insegna valori come l’inclusione, il lavoro di squadra, l’autodisciplina. Ciò che accade, talvolta, al margine degli eventi sportivi, soprattutto calcistici, è inammissibile ed intollerabile. Colpiremo inesorabilmente tutte le condotte violente o in violazione di legge”.

Con questi ulteriori provvedimenti salgono a N.32 i DASPO sportivi emessi dal Questore di Ancona, dal mese di Gennaio 2023, su istruttoria dell’Ufficio Misure di Prevenzione Divisione Anticrimine di Ancona diretto dal V. Questore dr.ssa Marina Pepe.



calcio

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-11-2023 alle 23:25 sul giornale del 30 novembre 2023 - 84 letture






qrcode