counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > POLITICA
comunicato stampa

Legge sulla pianificazione del territorio, Ruggeri (M5S): "Un'occasione persa"

2' di lettura
44

Marta Ruggeri

Il Movimento5Stelle ritiene che questa legge sia incoerente con i principi del contrasto al consumo di suolo che, solo sulla carta, sostiene di perseguire.

Oramai è chiaro che il cambiamento climatico in corso non è più ascrivibile a fatti riconducibili statisticamente a intervalli secolari. I quattro eventi climatici alluvionali estremi racchiusi in una manciata di mesi stanno a dimostrarlo. Secondo l’ultimo rapporto ISPRA poi nella Regione Marche sono il 100% i Comuni con aree a pericolosità elevata e molto elevata di frana e/o con pericolosità idraulica media, si registra il numero più elevato a livello nazionale di Beni culturali a rischio frane e abbiamo avuto un incremento in un solo anno (2021-2022) di suolo consumato di +218 ettari.

Davanti a questi numeri come legislatori avremmo dovuto essere responsabili e attuare scelte risolute, per quanto difficili. Per questo abbiamo proposto una serie di emendamenti soppressivi di tutte quelle eccezioni previste al contrasto al consumo di suolo, ma i Consiglieri di maggioranza ce li hanno bocciati tutti. Con altri emendamenti abbiamo affrontano il tema, completamente dimenticato, del Piano di Eliminazione delle Barriere Architettoniche (PEBA), cioè di tutti quegli ostacoli fisici che rappresentano veri ostacoli, a volte insormontabili, per la mobilità di coloro che, per qualsiasi causa, hanno una capacità motoria ridotta o impedita sia in forma permanente che temporanea. La maggioranza ha accolto in parte le nostra proposte, così come quella sul turismo agro-gastronomico. Nella Legge sono state completamente bypassate la produzione di energia e la raccolta e utilizzo di acqua piovana dagli edifici. Su quest’ultimo punto ricordo che c’è depositata (da inizio anno) una mia Proposta di Legge indiscussa in commissione.

Due temi, quello dell’energia e riutilizzo dell’acqua piovana, presenti quotidianamente nelle cronache nazionali e locali: crisi energetica, proposte di mega impianti fotovoltaici ed eolici a terra, crisi idrica e alluvioni. In questa legge invece i due argomenti sono trattati in maniera sommaria e generica in una Regione come la nostra che, per quanto riguarda la produzione di energia, è la peggiore in Italia con un deficit energetico che sfiora il 70%. Per questi limiti e altre difformità mi sono espressa contro questa Proposta di Legge, un peccato perché avrebbe potuto rappresentare l’occasione giusta per pianificare al meglio il futuro del nostro territorio.



Marta Ruggeri

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-11-2023 alle 18:16 sul giornale del 29 novembre 2023 - 44 letture






qrcode