counter

Ancona: "Suo figlio è stato arrestato per omicidio": Sottratti all'anziana ori per 9 mila euro con la truffa dell'avvocato

truffa telefonica 2' di lettura 23/09/2023 - Il truffatore spacciandosi per avvocato raccontava all'anziana del fatto che suo figlio si trovava in quel momento presso la Caserma dei Carabinieri poiché era stato arrestato per omicidio e dunque richiedeva un pagamento per il suo immediato rilascio

Nella giornata di ieri, la Polizia di Stato è intervenuta in seguito a una richiesta di soccorso da parte di una coppia di anziani, vittima ancora una volta della truffa del finto avvocato.

Il colpo, avvenuto verso le 13:00, ha visto una anziana donna essere contattata telefonicamente da un individuo che si è spacciato per un avvocato. Quest'uomo ha comunicato alla donna che suo figlio era stato arrestato per omicidio e che era necessario effettuare un pagamento urgente per il suo rilascio. Per dare credibilità alla sua storia, il presunto avvocato ha fatto intervenire un complice che si è presentato come un Maresciallo dei Carabinieri.

La vittima, presa dal panico e dalla paura per la sorte del proprio figlio, ha accettato la richiesta e ha consegnato alla presunta assistente dei falsi ufficiali una quantità di oggetti in oro dal valore di circa 9000 euro. La truffatrice è stata descritta come straniera, con capelli lunghi e vestita con un abito blu.

La Polizia di Stato fa appello a tutti i cittadini affinché proteggano i propri anziani, familiari e vicini di casa, mettendoli in guardia da possibili raggiri. Ecco alcune precauzioni importanti da seguire:

Contattare immediatamente il 112 NUE (Numero Unico Emergenza) al primo sospetto. È importante segnalare qualsiasi situazione sospetta alle autorità competenti.

Non consegnare denaro o oggetti di valore a sconosciuti. Prima di effettuare qualsiasi pagamento, è fondamentale verificare l'autenticità della richiesta.

Chiedere supporto alla Polizia di Stato. Se viene menzionato un familiare in difficoltà, è sempre meglio contattare direttamente le forze dell'ordine, che sapranno fornire assistenza immediata e verificare la veridicità della situazione.

Non aprire la porta di casa a sconosciuti. Anche se qualcuno dichiara di essere un dipendente di un'azienda pubblica, è importante essere cauti e verificare l'identità della persona prima di consentirle l'accesso.

La sicurezza dei nostri anziani è una responsabilità di tutti, e con la giusta consapevolezza e prudenza, possiamo contribuire a proteggerli da truffe e raggiri. La Polizia di Stato continuerà a lavorare per garantire la sicurezza di tutti i cittadini e per prevenire queste tristi situazioni.






Questo è un articolo pubblicato il 23-09-2023 alle 15:48 sul giornale del 25 settembre 2023 - 144 letture

In questo articolo si parla di cronaca, vivere ancona, articolo, truffa telefonica, truffa anziani ancona, truffa del finto avvocato ancona, truffa dell'avvocato ancona

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/etqJ





logoEV
qrcode