counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Biancani: “Respinta la proposta di destinare i 476mila euro risparmiati dal Consiglio regionale per il finanziamento dei progetti Vita Indipendente"

3' di lettura
30

andrea biancani

Biancani: “Respinta la proposta di destinare i 476mila euro risparmiati dal Consiglio regionale per il finanziamento dei progetti Vita Indipendente“Una scelta incomprensibile e una sconfitta per il Consiglio regionale che rinuncia al suo ruolo di indirizzo”. E’ il commento del Vicepresidente del Consiglio regionale, Andrea Biancani (Pd), alla bocciatura del suo ordine del giorno che proponeva di destinare l’avanzo registrato nel Rendiconto dell'Assemblea legislativa per aprire un nuovo bando Vita Indipendente, ampliare i beneficiari e aumentare il contributo per i casi di disabilità grave.

“L’Assemblea legislativa – spiega Biancani - nell’esercizio finanziario 2022 ha risparmiato oltre 476mila euro, che dovranno essere riversati nel bilancio regionale. Il nostro ordine del giorno, di cui ero primo firmatario, sottoscritto dalla consigliera Micaela Vitri con tutto il Gruppo Pd e dal Movimento 5 Stelle, impegnava la Giunta regionale a riassegnare quelle risorse a copertura della legge regionale del 2018 per favorire la vita indipendente delle persone con disabilità. In particolare, l’obiettivo era quello di ampliare i beneficiari con un nuovo bando e di incrementare il contributo annuale per i casi più gravi, almeno per quelli che necessitano di un’assistenza h24. Purtroppo la maggioranza non ha voluto condividere questa scelta e ha chiesto di spezzettare l’importo in più interventi per la disabilità, con il rischio di polverizzare le risorse e non dare risposte concrete ad alcuno”. Al momento del voto sono state ritirate le firme dai consiglieri di centro destra e l’atto non è stato approvato, “un peccato, su questi temi la politica dovrebbe essere unita e il Consiglio ha rinunciato al suo ruolo di indirizzo, senza dare un’indicazione alla Giunta su come utilizzare l’importo risparmiato”.

Ad oggi vengono finanziati circa 420 progetti di vita indipendente. Oltre a quelli in graduatoria individuati con il bando del 2018, si sono aggiunti quelli avviati con programmazione ministeriale che la Regione ha deciso di proseguire accollandosi i costi. Nei mesi scorsi le associazioni dei familiari avevano espresso la richiesta di un aumento del contributo, “per questo – segnala Biancani – a marzo avevamo presentato un’interrogazione e sollecitato, oltre a un nuovo bando per ampliare il numero dei progetti, un aumento del contributo di 5mila euro almeno per i casi di grave disabilità che hanno bisogno di assistenza continuativa.

Riconosco all’assessore alla sanità l’attenzione dimostrata su questo problema e la promessa di aggiungere un milione di euro nella prossima variazione di bilancio regionale, per poter incrementare il finanziamento dei progetti, ma i fondi non sono sufficienti e l’aiuto del Consiglio con i 476mila euro sarebbe stato importante. Il finanziamento massimo oggi, infatti, è pari a 13 mila euro annui, mentre la spesa è oltre il doppio, supera i 25mila euro.”


“Mi auguro – conclude Biancani - che nei prossimi mesi vengano effettivamente previsti fondi per confermare i progetti avviati, per avviarne nuovi e per adeguare il contributo per i casi che richiedono un’assistenza continuativa. I risultati ottenuti dalla legge dimostrano una migliore qualità della vita grazie al cammino verso l’autonomia, facilitato dalla presenza costante di un assistente personale che coadiuva le attività, da quelle domestiche a quelle formative e professionali. Con la possibilità di scegliere un progetto di vita, la persona con disabilità non è più un mero fruitore di cure e assistenza, ma una cittadina o un cittadino che sceglie come essere aiutato, migliorando la sua quotidianità e quella della sua famiglia. E’ un passaggio culturale che va sostenuto, pur sapendo che non è semplice e che richiede sostegni importanti”.




andrea biancani

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-06-2023 alle 19:21 sul giornale del 30 giugno 2023 - 30 letture






qrcode