counter

Jesi: Lutto nel Vescovato, Don Aldo ha raggiunto la Casa del Padre

Don Aldo Anderlucci 3' di lettura 23/11/2022 - Don Aldo Anderlucci ha concluso la sua vita terrena il 21 novembre 2022, giorno in cui la Chiesa ricorda la presentazione della beata Vergine Maria. Il rito funebre sarà celebrato mercoledì 23 novembre alle 15 in chiesa Cristo Redentore a Moie.

Parroco a Moie dal 1970 al 1996 e poi sempre presente nella nostra comunità per continuare a vivere il servizio sacerdotale con amore e fedeltà e a testimoniare il suo amore alla Chiesa e all’umanità.

Don Aldo, nato a Maiolati il 19 aprile del 1934 da Giovanni e Maria Marzioni, in una famiglia numerosa di mezzadri nella campagna attorno alla chiesetta di San Sisto, ha frequentato le prime tre classi elementari a Scisciano, la quarta, la quinta e le scuole medie a Maiolati ed è entrato da adolescente nel seminario diocesano di palazzo Ripanti a Jesi per gli studi al ginnasio. Gli anni del liceo e i quattro anni della teologia li ha trascorsi nel seminario regionale di Fano. Intanto i suoi genitori con le sorelle Vera e Rina si erano trasferiti a Monte Roberto.

È stato ordinato sacerdote dal vescovo mons. Giovanni Battista Pardini, il 25 agosto del 1957 nella chiesa parrocchiale Santo Stefano di Maiolati Spontini, dove era stato battezzato. Per cinque anni è stato il viceparroco di don Gino Paoletti a San Francesco di Paola a Jesi e celebrava spesso nella piccola e antica chiesa di Santa Caterina alle Valche. È stato nominato poi parroco di San Lorenzo a Mazzangrugno dove è rimasto per sei anni, ha trascorso alcuni anni al Divino Amore prima di essere destinato a Moie, la parrocchia in espansione che comprendeva anche Stazione di Castelbellino che non aveva ancora una chiesa. Venticinque intensi anni che lo hanno visto impegnato nel completamento della nuova chiesa Cristo Redentore e nel seguire le attività pastorali come la scuola materna parrocchiale, l’oratorio, la catechesi per i bambini e gli adulti, promuovere le missioni popolari, accompagnare le associazioni e la piccola comunità di Monte Schiavo nei giorni festivi… A Stazione si è attivato per la realizzazione della chiesa coinvolgendo tanti uomini nella sistemazione del locale che prima era una fabbrica.

Ha avuto come viceparroci don Gianni Piersimoni e don Marco Cecconi, nei primi anni era aiutato dai giovani sacerdoti don Luigi Carrescia e don Fabio Belelli, poi chiamava in parrocchia dei preti stranieri, studenti a Roma, che in estate o nei fine settimana si mettevano a disposizione nelle diverse attività pastorali.

In occasione del 50° anniversario della sua ordinazione sacerdotale aveva ricevuto la Cittadinanza Benemerita del Comune di Maiolati Spontini, chiesta il 22 agosto del 2007 dal sindaco Giancarlo Carbini, dall’assessore Umberto Domizioli e dall’ex sindaco Sergio Cascia e concessa all’unanimità del consiglio comunale, “per la sua intensa, proficua e preziosa attività pastorale svolta per oltre venticinque anni come Parroco di Santa Maria delle Moie”.

Lasciata la parrocchia Santa Maria di Moie, dal 1996 al 2014 è stato cappellano dell’ospedale civile di Jesi e ha continuato a seguire la Pastorale della Salute diocesana, le associazioni Unitalsi e Cursillos di Cristianità, a incontrare frequentemente gli ospiti della casa di cura Villa Jolanda di Scisciano. Tra il 2015 e il 2017 è stato a Moie come aiuto parroco di don Fabio nelle domeniche e il 3 settembre del 2017 aveva festeggiato il suo sessantesimo anniversario di ordinazione sacerdotale. Ha seguito don Fabio anche a Monsano e San Marcello, dal 2017 al 2020 poi il Covid ha messo fine anche a questa collaborazione.

Negli ultimi anni ha vissuto alla Casa Famiglia del Collegio Pergolesi di Jesi e la sua preghiera è stata ancora più incessante a motivo del maggior tempo a disposizione, soprattutto dall’inizio della pandemia.


di Cristina Carnevali
redazione@viverejesi.it





Questo è un articolo pubblicato il 23-11-2022 alle 11:21 sul giornale del 24 novembre 2022 - 210 letture

In questo articolo si parla di attualità, jesi, moie, Maiolati Spontini, Vallesina, cristina carnevali, articolo, Don Aldo Anderlucci

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dEpi





logoEV
logoEV