Pesaro: Notte di follia, giovani danno in escandescenze dopo un furto: presi a testate i muri della caserma

carabinieri notte 2' di lettura 05/08/2022 - Il furto di un monopattino elettrico ha segnato la notte tra il primo e il 2 agosto. Due giovani hanno dato in escandescenze quando sono stati portati in caserma dai carabinieri.

L'episodio si è consumato la notte del 2 agosto sul lungomare pesarese nelle vicinanze di un bar in viale Trieste. Intorno all'1.30 nel locale giunge un giovane extracomunitario ubriaco, con evidenti tagli sul braccio, che inizia a disturbare i clienti e a sbandare tra la gente.

Poco dopo, barcollante, si porta sul marciapiede e si appropria di un monopattino elettrico con il quale si allontana accompagnato da un amico.

A quel punto il proprietario del mezzo, un carabiniere fuori servizio, corre dietro i ladri, si qualifica e li ferma pretendendo di riavere il monopattino. Ne nasce una discussione con i due giovani stranieri che non hanno nessuna intenzione di restituire il monopattino.

Dopo qualche minuto i due marocchini gettano a terra il velocipede e tentano di allontanarsi ma vengono trattenuti dal militare in attesa dell'arrivo dei colleghi. Quando i carabinieri giungono sul posto, i due giovani iniziano a reagire con scatti di ira, grida, calci e vengono ammanettati.

L'episodio viene visto da un gruppo di ragazzi che si avvicina ai carabinieri contestando il loro operato e ‘denunciando’ l'atto come razzista.

Nel momento di trasportarli in caserma gli extracomunitari danno in escandescenze colpendo di testa i divisori dell'auto e proseguendo poi alla centrale con testate sui muri. All'interno della caserma si vivono ore di follia, i due sono schegge impazzite, tanto da dover costringere i carabinieri a sedare uno dei due.

Nel frattempo l'altro ragazzo accusa un forte dolore al petto ma, trasportato in ospedale, gli accertamenti non riscontrano alcuna patologia.

Il più giovane dichiara di essere minorenne e non essendo censito in Italia viene denunciato e affidato a una comunità per minorenni extracomunitari non accompagnati.

Il compare invece, un 26enne marocchino, viene arrestato per rapina impropria e resistenza a pubblico ufficiale.

Ieri mattina il processo per direttissima ha confermato il carcere ma convertito la rapina a furto.






Questo è un articolo pubblicato il 05-08-2022 alle 08:24 sul giornale del 06 agosto 2022 - 894 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, pesaro, furto, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/djxx





logoEV