Politecnica e Regione Marche a Bruxelles: Un passo verso il futuro

4' di lettura 30/06/2022 - Un nuovo ufficio nella capitale Belga, sede della Commissione Europea, per avere una presenza fissa nel cuore delle istituzioni dell’UE. Questo il progetto condiviso da Politecnica e Regione Marche

È stato attivato nei primi giorni di giugno un punto di coordinamento, nato per rafforzare l’attività di progettazione europea e instaurare contatti e cooperazioni utili a tutto il territorio regionale. Una presenza stabile e fissa di due delle principali istituzioni marchigiane nella Bruxelles delle Istituzioni europee. Questo l’idea semplice quanto efficace che testimonia come anche nell’epoca della digitalizzazione la presenza rimanga uno dei presupposti dello sviluppo.

Una strada che la Politecnica percorrerà con l’ausilio della Regione Marche, con l’obiettivo di aprire la strada a tutte le realtà del territorio, pronte a presentarsi alla platea internazionale.

L’ufficio a Bruxelles sarà presieduto da un responsabile permanente nella capitale EU, Francesco Ferlaino, affiancato da una nuova squadra, composta da cinque project manager e altrettante figure amministrative, che supporterà l’Ateneo nella ricerca europea capillarmente nelle 5 aree culturali (l’industria, l’agro-alimentare, l’energia, la scienza del mare ed il supporto alle persone fragili) e nella sua importante funzione di sportello APRE Marche.

“Oggi – ha detto il presidente Acquaroli - annunciamo lo sbarco della Politecnica delle Marche e delle sue attività di formazione a Bruxelles nella sede della Regione per una collaborazione che possa cogliere le opportunità europee strategiche per la crescita del nostro territorio. Una svolta epocale, in netta discontinuità con un passato che ci vedeva isolati. Con una squadra in presenza si moltiplicheranno le occasioni e le possibilità di creare nuove relazioni e di gettare le basi anche per altre collaborazioni. Potremo approfondire le politiche europee nell’ambito dell’importantissima sfida del PNRR e l’Europa conoscerà sicuramente meglio le Marche”.

“Ringrazio la Regione per la collaborazione nella realizzazione di questo progetto. Questi risultati sono il frutto di una strategia costante dell’Ateneo – ha spiegato il Rettore Gregori - basata sul rafforzamento scientifico da un lato e sul presidio di importanti consessi Europei dall’altro, come quelli legati alle nuove Mission Europee. Avere una struttura e del personale è fondamentale per una attività di internazionalizzazione e c’è la possibilità di ampliare la collaborazione alle altre università delle Marche”.

UNIVPM ha chiuso il periodo di programmazione 2014-2020 con ottimi risultati: tra Horizon 2020 e gli altri programmi Europei, ha vinto oltre 120 progetti per circa 30 Milioni di Euro, aggiudicandosi, proprio negli scorsi mesi, progetti nella Call estremamente competitiva del Green New Deal Europeo. Ed anche Horizon Europe (2021-2027) è iniziato al meglio, già con progetti per oltre 3 Milioni Euro. Ci sono aree in cui UNIVPM conferma il suo valore, come le cinque già elencate, ma ci sono anche nuove aree strategiche in cui UNIVPM si è distinta, quali l’Economia Circolare e la Citizen-science, aree portate all’attenzione di tutti non solo dalla pandemia, ma anche dalle scelte del Governo Draghi sulla Transizione Ecologica.

Per l’occasione l’Università Politecnica delle Marche ha presentato anche il documento “Next generation people”, un manifestato dell’Ateneo sugli orientamenti e i progetti legati al piano di ripresa economica “Next Generation EU” e alle “Political Guidelines for European Commision 2019-2024”. Il documento di allineamento con le politiche della Commissaria Ursula von der Leyen, testimonia una riflessione interna su come i progetti in atto nella formazione, nella ricerca e nella terza missione contribuiscano strategicamente alla visione Europea. Il piano di azione si concentra su sei tematiche affrontate dall’Ateneo in modo multidisciplinare, tra queste il principale obiettivo strategico è volto a promuovere un’azione concreta in materia di cambiamenti climatici, per un Green Deal Europeo. Un altro obiettivo del quinquennio 2019-2024 fissato dall’Europa riguarda l’equità sociale, per un’economia che lavori per le persone. Le tecnologie digitali stanno trasformando la quotidianità e il terzo obiettivo è quello di un’Europa pronta per l’era digitale dove la necessità di sapere è unita alla necessità di condividere per una società che oltre ad essere digitale sia inclusiva e sostenibile. Il quarto obiettivo è quello di proteggere il nostro stile di vita europeo che garantisca parità tolleranza ed equità sociale. Il quinto obiettivo si focalizza sul ruolo dell’Europa nel mondo mentre il sesto obiettivo riguarda la partecipazione democratica.


di  Filippo Alfieri
redazione@vivereancona.it





Questo è un articolo pubblicato il 30-06-2022 alle 19:07 sul giornale del 01 luglio 2022 - 168 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, università politecnica delle marche, ancona, univpm, articolo, Filippo Alfieri, bruxelles politecnica delle marche

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ddJK