counter

Terre Roveresche: Giannina trovata senza vita giorni dopo il decesso, lunedì l’autopsia: al momento esclusa la morte violenta

1' di lettura 11/06/2022 - Sarà indispensabile l'autopsia, prevista per lunedì, per comprendere le ragioni della morte della 67enne di Barchi (Terre Roveresche) che ha lasciato sotto shock l’intera comunità locale.

Il ritrovamento del corpo di Giannina Fucili – già in decomposizione – è avvenuto venerdì intorno alle 19. A rinvenire la salma è stato un amico del figlio della donna, mandato a controllare che fosse tutto a posto proprio perché della donna non si avevano notizie da giorni. Una volta sul posto, però, la tremenda scoperta: Giannina era riversa sul divano, e da almeno 48 ore. Tra il sangue e – pare – anche tracce biologiche.

Le cause della morte della donna sono ancora da chiarire. Le condizioni del corpo non hanno permesso di farsi subito un’idea precisa di quanto accaduto, ma al momento non si riscontrano segni di morte violenta. Sembra inoltre che la porta di casa – una palazzina di due piani – fosse socchiusa.

Il marito della donna – Antonio Pazzaglia, ex carrozziere di 87 anni con problemi di salute – è stato trovato in stato confusionale al piano di sopra. Soccorso dal 118, è stato poi sottoposto a delle domande. Non ha chiamato i soccorsi, circostanza probabilmente dettata dalle sue condizioni fisiche. Nessun provvedimento è stato preso nei suoi confronti. Le indagini sono condotte dai carabinieri di Fano e Mondavio insieme al pm del tribunale di Pesaro Maria Letizia Fucci.






Questo è un articolo pubblicato il 11-06-2022 alle 13:51 sul giornale del 13 giugno 2022 - 3150 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, barchi, donna morta, articolo, Terre Roveresche, Simone Celli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/daIW





logoEV
logoEV
qrcode