counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > ATTUALITA'
articolo

Senigallia: sold-out sulla spiaggia di velluto, primo test estivo superato ma mancano gli stagionali

2' di lettura
328

Primo test estivo superato per la spiaggia di velluto che grazie alle temperature record, sole e bel tempo ha fatto registrare il tutto esaurito negli stabilimenti balneari, bar e ristoranti per il lungo ponte del 2 giugno.

“Complice il bel tempo, e la voglia di mare e di uscire, questo primo assaggio d'estate sta andando particolarmente bene. Gli operatori balenari sono per ora soddisfatti e alcuni hanno fatto registrare già un sold out delle loro disponibilità -afferma Giacomo Cicconi Massi di Confartigianato-. Così anche ristoranti, campeggi e alberghi con cui siamo costantemente in contatto. Certamente un inizio che fa ben sperare anche perchè se consideriano le condizioni economiche attuali e le congiunture prossime che si paventano all'orizzonte e con le quali dovremo prima o poi fare i conti, questi tre mesi diventano vitali per le nostre imprese e per la nostra città. Il cartellone estivo proposto dalla Amministrazione riserva diverse opportunità di rilievo pertanto non resta che impegnarci tutti e lavorare su due aspetti importanti: accoglienza e qualità dell'offerta. Se centriamo questi aspetti non resteremo delusi”.

“E' un inizio incoraggiante, grazie anche al ponte lungo che permette gite primi assaggi di mare per i turisti che vengono nel nostro litorale -concorda Giacomo Mugianesi di Cna- Anche le temperature incentivano il turismo balneare. Per altri invece in cerca di cultura e tranquillità il nostro entroterra è sempre una garanzia. B&b e case vacanze hanno avuto un buon riscontro di prenotazioni rispetto agli ultimi anni. Direi che seppure tra mille difficoltà c’è voglia di tornare a viaggiare e muoversi”. Sulla stagione partita in quarta c'è però il problema della manodopera, sempre più difficile da reperire.

“Era nell’aria che questi giorni a cavallo con il ponte sarebbero stati il vero banco di prova per l’inizio di questa stagione turistica, e così è stato. Stabilimenti balneari, ristoranti, hotel hanno fatto registrare il primo sold out, e con questo anche il commercio ne ha risentito positivamente -afferma Giacomo Bramucci, presidente di Confcommercio- Stiamo superando i livelli pre pandemia del 2019, anche se le prenotazioni sono sempre meno pianificate e sempre più last minute. Ora non possiamo più concederci distrazioni o ritardi dal punto di vista organizzativo e ogni attività deve già aver in organico il massimo delle persone disponibili. E qui si potrebbe aprire una parentesi complicata sulla scarsità di personale che moltissime realtà stanno vivendo, per la quale serviranno anche manovre a livello nazionale, magari rivedendo al ribasso il cuneo fiscale sui redditi da lavoro dipendente (che renderebbe più appetibile il lavoro), unitamente alla revisione dell’inefficace meccanismo del reddito di cittadinanza”.



Questo è un articolo pubblicato il 05-06-2022 alle 10:30 sul giornale del 06 giugno 2022 - 328 letture






qrcode