Accordo tra l’Azienda Ospedaliera Universitaria Ospedali Riuniti e l’Inail in caso di infortuni sul lavoro per la riabilitazione nel centro di Volterra

2' di lettura 18/05/2022 - “INAIL , che è il più grande istituto assicurativo del nostro paese, è una delle più importanti strutture di welfare state (stato sociale) e la firma di questa convenzione lo dimostra” . Sono le parole dell’Assessore alla Sanità Filippo Saltamartini che stamattina ha partecipato alla firma dell’accordo che lega l’Azienda Ospedaliera Universitaria Ospedali Riuniti di Ancona e l’Inail.

Attraverso la Convenzione viene attivato un percorso sperimentale rivolto agli infortunati con trauma vertebro-midollare o politrauma in fase post-acuta ricoverati presso l'Unità spinale del Polo Ospedali Riuniti di Ancona che prevede la possibilità di una tempestiva presa in carico dell’assistito INAIL con il trasferimento al proprio Centro di riabilitazione motoria di Volterra.


Il tutto senza costi per il paziente con l’INAIL che si occupa anche delle spese di viaggio e dell’eventuale sistemazione della famiglia. “Questa possibilità non vincola nessuno: il cittadino ha il diritto di decidere come curarsi e dove curarsi.- ha proseguito l’Assessore- L’Istituto poi si occupa non solo degli infortunati ma anche dei loro congiunti in modo da garantire una assistenza che sia la migliore possibile”.
Si tratta di una sperimentazione di cui la Regione Marche è capofila. “L’Unità Spinale dell’Ospedale Torrette – ha detto Michele Caporossi, Direttore Generale dell'Azienda Ospedaliera Universitaria Ospedali Riuniti di Ancona- è nata nel 2009, ad oggi ha 7 posti letto più uno di day hospital che presto diventeranno 8 posti letto più due di day hospital”.

“Il paziente reduce dall’evento traumatico – ha aggiunto Giovanni Contenti, Responsabile della Direzione regionale INAIL Marche- sulla base di valutazioni di carattere medico-scientifiche, potrà scegliere di effettuare la riabilitazione a Volterra, che è un centro di alta specializzazione”.

Secondo Mauro Silvestrini, Direttore della Clinica Neurologica di Torrette, si tratta di una ottima opportunità per i pazienti. Maria Antonietta Recchioni, medico responsabile del Centro Unità Spinale dell'ospedale regionale, ha sottolineato che il paziente arriva in ospedale e viene preso in carico nella fase acuta, mentre il Centro di Volterra aggiunge valore al percorso riabilitativo.

Il Centro di riabilitazione motoria di Volterra è stato il primo centro clinico dell'Inail interamente dedicato alla riabilitazione intensiva muscolo-scheletrica ed è accreditato presso la Regione Toscana dal 2003 per prestazioni di riabilitazione in regime residenziale (23 posti letto), semiresidenziale (ulteriori 23 posti) e ambulatoriale. Il trauma spinale costituisce una delle più importanti cause di disabilità nel nostro paese anche in assenza di un vero e proprio disturbo neurologico.


da Filippo Saltamartini Assessore regionale alla Sanità







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-05-2022 alle 18:14 sul giornale del 19 maggio 2022 - 125 letture

In questo articolo si parla di attualità, politica, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/c75r