Biancani: “Per la riqualificazione degli impianti sportivi aumentato il contributo regionale dal 50% all’80%. Ora servono più risorse”

andrea biancani 2' di lettura 06/05/2022 - In Consiglio Regionale abbiamo approvato alcune modifiche alla legge regionale che regola il sostegno allo sport marchigiano.

Lo sport nelle Marche è una realtà importantissima che fino al 2019 vedeva il 35% dei marchigiani praticare uno sport a e un ulteriore 29% fare attività fisica; numeri frutto del lavoro fatto dalle tante realtà sportive presenti in regione, purtroppo calate di numero a seguito della pandemia.

La modifica più importante che è stata apporta alla legge, di cui ero il relatore di minoranza, è quella legata all’ammontare del cofinanziamento regionale nei bandi per la riqualificazione degli impianti sportivi. La legge stabiliva un tetto di massimo fino al 50% delle spese, cosa che significava per Comuni e associazioni di dover disporre di risorse sufficienti a coprire metà del costo degli interventi. Cifre insostenibili per le realtà sportive marchigiane, specie dopo due anni di pandemia e di aumenti dei costi delle materie prima e dell’energia. Per questo abbiamo approvato all’unanimità una modifica che porta il massimale fino all’80% delle spese.

Questo dovrebbe rendere più sostenibile anche per le realtà economicamente più fragili partecipare al bando che uscirà nelle prossime settimane per la riqualificazione degli impianti pubblici, rivolto ai Comuni e alle associazioni che li gestiscono. Purtroppo, però, le risorse stanziate nel nuovo piano dello sport, come avevo già segnalato in fase di approvazione del piano, sono troppo poche.

Nello scorso piano, per la sola riqualificazione degli impianti sportivi furono stanziati, nell’arco di 5 anni, ben 45 milioni tra risorse regionali e statali a favore sia dei comuni che delle associazioni che gestiscono impianti sportivi. Ad oggi, per l'intero piano per lo sport 2021- 2025, sono stati stanziati poco più di 4 milioni. È evidente che, senza ulteriori fondi, alcune delle azioni previste dal piano resteranno solo sulla carta tra cui quella del miglioramento delle strutture sportive.

Le risorse attualmente previste rischiano di non essere sufficienti neppure per sostenere le altre priorità che il piano prevede, in particolare il sostegno agli eventi e alle associazioni sportive e lo sport per le persone con disabilità.

Mi auguro che la Regione si impegni a trovare ulteriori risorse sia regionali che statali, anche attraverso la collaborazione con la nuova agenzia nazionale “Sport e Salute” che, con le altre modifiche apportate alla legge, abbiamo integrato a pieno titolo nella rete di soggetti coinvolti nella programmazione degli interventi di promozione sportiva nelle Marche.

Continuerò comunque a vigilare sull’attuazione del Piano dello sport e a chiedere l’impegno regionale per reperire sempre maggiori risorse perché credo che lo sport sia fondamentale perché aiuta la socializzazione, migliora la qualità della vita ed è sempre di più anche un’opportunità di promozione di un turismo sostenibile del territorio.


da Andrea Biancani
Vicepresidente Consiglio Regionale





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-05-2022 alle 17:54 sul giornale del 07 maggio 2022 - 153 letture

In questo articolo si parla di regione marche, sport, pesaro, andrea biancani, consiglio regionale, vice presidente, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/c6a0





logoEV
logoEV