counter

Fano: Area ex Agip, trovati tre serbatoi: nuove indagini, tutto pronto per inizio 2023

2' di lettura 06/04/2022 - Con la dismissione della stazione di servizio Agip-Eni nel 2017, e’ stato avviato il procedimento di bonifica dell’area in oggetto da parte di Eni Rewind,la società ambientale di Eni. Approvato all’ inizio di quest’anno, l’intervento prevedeva la rimozione del terreno di ben tre aree contaminate, dette hotspot, rispettivamente di 38 ,41 e 91 metri quadrati.

Aree nelle quali, grazie all’intervento di Arpam, sono state rilevate eccedenze di idrocarburi. Se per le prime due aree si è provveduto alla rimozione del terreno contaminato con esiti rassicuranti che hanno riportato i valori entro i limiti di legge, invece nell’ultima area di 91 mq, mentre si interveniva sull’escavazione del terreno, sono stati rinvenuti 3 nuovi serbatoi inertizzati a latere di cui non si era a conoscenza.

“Le aree – chiosa l’assessora all’Ambiente Barbara Brunori - sono state delimitate e suddivise, così da evitare ipotetiche connessioni tra le due sezioni bonificate e quella in cui sono stati rilevati i tre nuovi serbatoi. Le attività di scavo e smaltimento dei terreni sono state già completate e siamo in attesa degli esiti analitici dei campionamenti effettuati da Arpam. Il progetto di bonifica comprendeva anche un’ analisi di rischio sanitario e ambientale sito specifica in relazione ad un quarto hot spot di terreno rilevato a 7 metri di profondità’ e lasciato in loco, i cui esiti non hanno evidenziato rischi per gli scenari contemplati.

Alla luce di queste nuove indagini e’ stato richiesto dall’ Amministrazione ad Eni un’ulteriore verifica del terreno attraverso il georadar”.

Il monitoraggio delle acque sotterranee, in corso dall’inizio della bonifica con dei piezometri, dovrà perdurare per ulteriori sei mesi dal termine degli interventi stessi. Pertanto, si prevede la restituzione dell’area per inizio 2023.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-04-2022 alle 19:07 sul giornale del 07 aprile 2022 - 236 letture

In questo articolo si parla di attualità, fano, comune di fano, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cYep





logoEV
logoEV
qrcode