counter

Ciccioli (FDI): “Un’interrogazione è bastata per consigliare le dimissioni ad Agostini da presidente del Consorzio Zenit”

2' di lettura 29/03/2022 - “Proseguiamo nel controllare tutti gli appalti a livello sanitario nell’Area Vasta 5 come nelle altre, visto il clientelismo che da sempre ha caratterizzato la sinistra, Partito Democratico in testa che cerca di esprimere e controllare le burocrazie sanitarie della Regione come ha sempre fatto finora, pur non governando più.

Un sistema che dalla politica, amministrando male la Regione Marche per decenni, si riversa in buona parte dei gangli vitali della sanità territoriale”. Questo il commento del capogruppo di Fratelli d’Italia al Consiglio regionale, Carlo Ciccioli, a seguito della risposta avuta sull’interrogazione presentata in merito all’appalto milionario sottoscritto dal Consorzio Zenit.

“Ringrazio l’Assessore Saltamartini per la risposta avuta. Certo, mi si passi la battuta, è bastato presentare l’interrogazione per suggerire le dimissioni all’ex deputato ed ex vicepresidente della Giunta regionale del Pd Luciano Agostini dalla carica di presidente del Consorzio Zenit. Sarebbe stato un bel gesto, se non fosse stato indotto. A pensar male si fa peccato, ma a volte ci si azzecca, considerando gli ultimi accadimenti. E che la tempistica fosse sospetta era lapalissiano. Il 22 luglio dello scorso anno la stipula del contratto di appalto, per oltre 14milioni di euro, da parte dell’Area Vasta 5 con il consorzio Zenit. Il 27 luglio 2021, la costituzione del consorzio Cure Domiciliari Marche Sud. Poi, ad agosto dello scorso anno, l’ennesimo colpo di scena con le dimissioni di Barbara Biserni, presidente, e la nomina al suo posto, il 13 gennaio di quest’anno, dell’ex deputato del Pd Luciano Agostini. Quindi, il mio intervento e il deposito dell’interrogazione. Dopo poco tempo, le dimissioni di Agostini. Vogliamo invitare tutti a riflettere come, gira che ti rigira, gli esponenti politici della sinistra non riescano proprio a stare a riposo, ma siano sempre in prima linea per sfruttare agganci per mantenere le mani in pasta. Un andazzo che già in campagna elettorale abbiamo promesso di voler scardinare perché clientelare e rovinoso. Per noi del centrodestra conta la meritocrazia, senza colorazione politica, soprattutto in materia sanitaria, a maggior ragione per le cure domiciliari. Da quando ci siamo insediati questa è stata la nostra stella polare e continueremo, coerentemente, a portare avanti questa linea. E proseguire – conclude – nell’esaminare tutti gli appalti, non come una caccia alle streghe, ma nell’interesse esclusivo dei marchigiani”.


da Carlo Ciccioli
capogruppo in consiglio regionale FDI



Carlo Ciccioli


Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-03-2022 alle 15:50 sul giornale del 30 marzo 2022 - 235 letture

In questo articolo si parla di attualità, politica, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cVQF





logoEV
logoEV
qrcode