counter
SEI IN > VIVERE MARCHE > CRONACA
articolo

Ancona: Utilizzava la casa dell'anziana nonna come deposito della droga. Arrestato con hashish ed Ecstasy

2' di lettura
314

Il pusher ventenne, nonostante la sua residenza ufficiale fosse altrove, utilizzava la casa dell’anziana nonna, consapevole che nessuno avrebbe mai sospettato di nulla.

Credeva che istallare la base delle sue operazioni illegali a casa dell'anzina signora sarebbe stato sufficiente a non attirare attenzioni indesiderate sul suo commercio di stupefacenti, ma si sbagliava. Ieri sera è stato arrestato un giovane poco più che ventenne, incensurato, trovato con oltre un chilo e mezzo di hashish e oltre mezzo etto di Ecstasy. Sostanza stupefacente la prima e psicotropa la seconda. I poliziotti della Squadra Mobile di Ancona lo hanno colto in flagranza subito dopo aver fatto “il pieno” delle droghe dal suo fornitore. Droga che di lì a poco avrebbe spacciato nella piazze anconetane a coetanei e non solo.

Gli uomini e le donne della Sezione Antidroga della Questura di Ancona lo hanno pedinato per lungo tempo e oggi, dopo l’ennesimo appostamento, lo hanno fermato sotto casa della nonna dove lo spacciatore, convinto di non destare alcun sospetto, aveva ben pensato di stabilire la base operativa dove confezionare, stoccare e occultare la droga. Infatti, nonostante la sua residenza ufficiale fosse altrove, il giovane utilizzava la casa dell’anziana nonna, consapevole che nessuno avrebbe mai sospettato di nulla. Era da tempo che gli agenti aspettavano che lo spacciatore facesse rifornimento.

Nel tardo pomeriggio di ieri gli agenti hanno fatto irruzione in casa rinvenendo molta droga e, dentro lo zaino appena appoggiato sul letto, hanno rinvenuto 16 panetti di hashish e numerosi pezzi di Ecstasy nascosto, insieme a 2 bilancini di precisione per la pesatura e il confezionamento delle droghe, nonché numerosi ritagli in cellophane che lo spacciatore aveva cominciato a preparare per lavorare lo stupefacente e renderlo quanto prima disponibile per la vendita.

Visti i gravi indizi di colpevolezza, su disposizione della Procura della Repubblica presso il tribunale di Ancona, il ragazzo veniva collocato in Carcere a Montacuto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria procedente.



Questo è un articolo pubblicato il 08-03-2022 alle 16:57 sul giornale del 09 marzo 2022 - 314 letture