counter

Guerra in Ucraina, il Pd: “Condanniamo l’aggressione, la Regione Marche si attivi anche per sostenere le aziende colpite dal conflitto”

2' di lettura 04/03/2022 - Il gruppo assembleare del Partito Democratico condanna l'aggressione dell’Ucraina da parte della Federazione Russa, esprimendo pieno sostegno alla popolazione civile e gratitudine a quella parte del popolo russo che, nonostante la repressione interna in atto, manifesta contro la guerra. Inoltre, con un’apposita mozione a prima firma di Fabrizio Cesetti, i dem invitano la giunta regionale ad assumere impegni ben precisi.

Tra questi: il pieno sostegno alle iniziative messe in campo dal governo italiano per esigere dalle Autorità russe l’immediata cessazione delle operazioni belliche e il ritiro di tutte le forze militari dal territorio ucraino; l’assunzione di ogni iniziativa utile ad aprire nei territori interessati dal conflitto un percorso di pace e stabilità per garantire attraverso la diplomazia il rispetto dei principi del diritto internazionale e degli impegni nel tempo assunti nei confronti dei territori stessi; l’attivazione immediata, in coordinamento con il governo nazionale, di corridoi umanitari volti alla protezione e all’accoglienza della popolazione civile in fuga; l’attivazione di procedure per l’assistenza dei profughi ucraini con iniziative e risorse proprie.

“La guerra in corso - affermano i dem - sta assumendo i connotati di un vero e proprio crimine contro l’umanità, un’inaccettabile violazione della indipendenza, sovranità e integrità territoriale dello Stato ucraino, perpetrata in dispregio dei principi e delle norme che sovrintendono la vita dei popoli e degli Stati. Crediamo sia assolutamente necessario non solo fermare immediatamente il conflitto, ma imporre il ritiro dell’esercito russo dal territorio ucraino. Contestualmente va avviato un percorso di pace e stabilità che solo la diplomazia guidata dal diritto internazionale può garantire, anche al fine di scongiurare il rischio di un allargamento del conflitto”.

“Allo stesso tempo - concludono i consiglieri del Pd - non possiamo non essere preoccupati per le pesantissime ricadute economiche che, tra l’altro, vedono particolarmente esposte le Marche. Per tale motivo chiediamo che la giunta regionale preveda misure di sostegno alle famiglie, alle aziende marchigiane e a tutti i settori dell’economia regionale danneggiati dalle conseguenze dirette e indirette delle sanzioni economiche imposte alla Federazione Russa, attraverso la destinazione di risorse europee, nazionali e regionali. Ma non solo, è necessario che la giunta regionale si attivi nei confronti del governo affinché quanto prima siano assunte azioni incisive volte ad arginare anche gli effetti economici derivanti dalla crisi di approvvigionamento energetico”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-03-2022 alle 11:30 sul giornale del 05 marzo 2022 - 121 letture

In questo articolo si parla di politica, partito democratico, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cPA8





qrcode