counter

Guerra in Ucraina, la posizione dell'Università per la Pace

bandiera della pace 1' di lettura 03/03/2022 - L’Università per la Pace esprime ferma contrarietà alla decisione del Governo italiano di inviare armi in Ucraina. La presa di posizione arriva dopo l’appello per fermare il conflitto inviato nei giorni scorsi ai Presidenti del Consiglio, Mario Draghi, di Giunta e Consiglio, Francesco Acquaroli e Dino Latini, e ai sindaci delle Marche.

Secondo l’associazione presieduta da Mario Busti l’invio di armi significherebbe un “pericoloso coinvolgimento e sostegno all'escalation del conflitto”. Di qui la richiesta di “una forte ed autorevole azione diplomatica finalizzata a far cessare immediatamente il fuoco, proteggere i civili, ritirare le truppe russe, ripristinare il diritto internazionale, favorire i canali del dialogo in accordo con l'articolo 11 della nostra Costituzione che recita ‘L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali’".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-03-2022 alle 17:50 sul giornale del 04 marzo 2022 - 168 letture

In questo articolo si parla di attualità, pace, marche, Assemblea legislativa delle Marche, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/cPtH





logoEV
logoEV
qrcode