counter

Fano: Armato di machete uccide un cane e ferisce tre persone: "Non imputabile, ma resti in cura"

1' di lettura 25/02/2022 - Aveva seminato il terrore armato di machete. Nell'occasione aveva ucciso un cane e colpito una donna al volto, per non parlare dell'orecchio quasi strappato a un'altra donna, ferendone anche il marito: tre dunque, le persone che erano finite in ospedale. In tutto questo aveva anche rubato una pelliccia. Una lunga serie di reati, messi in atto in un solo pomeriggio da incubo lo scorso ottobre in zona Fenile a Fano. è così che un 25enne moldavo è finito a processo. Giovedì la sentenza.

Dopo aver litigato con il fratello minore si era diretto a casa della sua ex - nel frattempo messasi in salvo -, ma nel tentativo di raggiungerla il 25enne aveva messo commesso gli atroci reati di cui sopra (i dettagli). Tutto questo, secondo il Gup, senza essere capace di intendere e di volere. Da qui la dichiarazione di non imputabilità del moldavo, considerato comunque socialmente pericoloso, ed è così scattata la misura di sicurezza del ricovero in una struttura di accoglienza (Rems) fino a tre anni. Ogni sei mesi verrà sottoposto a una nuova perizia che decreterà il prolungamento o la diminuzione della sua permanenza.






Questo è un articolo pubblicato il 25-02-2022 alle 14:10 sul giornale del 26 febbraio 2022 - 3443 letture

In questo articolo si parla di cronaca, fano, violenza, articolo, Simone Celli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/cN5h





logoEV
logoEV
qrcode