counter

Bando edilizia scolastica Regione Marche, finanziati progetti innovativi e soluzioni tecnologiche e green all’avanguardia

3' di lettura 23/02/2022 - “Oltre 20 milioni dalla regione per la scuola del futuro innovativa, sicura e all’altezza delle aspettative dei nostri ragazzi sfruttando le risorse strutturali del piano di ripresa e resilienza. Numerosa la partecipazione al bando da parte di comuni e province con un’ampia varietà di progetti.

Il Modello Marche avanza a grandi passi nelle scuole della Regione e oggi, al successo del bando sulla Ventilazione Meccanica Controllata in aula, affianchiamo quello relativo all’innovazione e la messa in sicurezza delle scuole. Iniziativa finalizzata a mettere a terra tutte le risorse disponibili per realizzare edifici scolastici moderni e all’avanguardia”.

Commenta con soddisfazione l’assessore ai Lavori Pubblici e all'Edilizia scolastica Francesco Baldelli la grande partecipazione di Comuni e Province al Bando “Marche: innovazione, scuola, futuro”, 93 progetti pervenuti da 70 Comuni e dalle 5 Province marchigiane per la messa in sicurezza e riqualificazione dell’edilizia scolastica in strutture presenti nel proprio territorio.

I 20,7 milioni di euro di risorse disponibili (il 30% delle quali destinate alle Scuole di pertinenza delle Province) sono stati assegnati a progetti selezionati in base a criteri che puntavano all'innovazione e all’utilizzo di soluzioni tecnologiche avanzate, per realizzare strutture sicure, green, salubri e aperte alla comunità locale, con la previsione di spazi flessibili e anche attrezzati all’aperto per attività didattiche, sportive ed extra scolastiche.

Tra le soluzioni presenti nei progetti provenienti dai Comuni e dalle Province che hanno avanzato candidature per i finanziamenti, vanno evidenziate: l'autosufficienza energetica dell'edificio tramite fotovoltaici, coimbentazione, utilizzo di impianti a bassissimo consumo; il controllo della qualità dell'aria con misuratori di Co2 e ventilazione meccanica controllata sia nelle aule che negli spazi comuni; la previsione di spazi aperti alla socialità e alla vita extrascolastica.

Le scuole ammesse ed i relativi finanziamenti richiesti sono: per la Provincia di Fermo 6.211.755,00 di euro per l’adeguamento sismico e la riqualificazione energetica dell’IPSIA “OSTILIO RICCI” di Fermo; per il Comune di Mombaroccio (PU) 1.635.000,00 di euro per l’Istituto Comprensivo "PIRANDELLO", che sarà demolito e ricostruito ex novo; per il Comune di Gradara (PU) 5.450.000,00 di euro per la costruzione in altro sito della SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO “G. LANFRANCO”; per il Comune di Pesaro 5.497.792,00 di euro per lavori di adeguamento sismico ed efficientamento energetico all’Istituto Comprensivo “VILLA SAN MARTINO”; per il Comune di Montecarotto (AN) 2.060.000,00 di euro per la demolizione e ricostruzione della Scuola dell’Infanzia.

Alla luce della presenza di più bandi a valere sui fondi PNRR, in scadenza pressoché contemporanea al bando della Regione Marche, si è ritenuto opportuno individuare nell’elenco anche degli interventi “di riserva”, da utilizzare nel caso in cui i primi in graduatoria risultino finanziati su altre linee di finanziamento PNRR o comunque non finanziabili.

Le “riserve” per la graduatoria destinata alle Province sono: l’intervento di miglioramento sismico ed efficientamento energetico del Liceo Scientifico “Galilei” di Ancona e la demolizione e ricostruzione dell’edificio aule del Liceo “Nolfi” di Fano.

Le “riserve” della graduatoria relativa ai Comuni sono: il Comune di Monteprandone (AP) per la demolizione e ricostruzione dell’Istituto Comprensivo; il Comune di Matelica (MC) per l’adeguamento sismico della Media “Mattei”; il Comune di Carassai (AP) per la demolizione e ricostruzione dell’edificio scolastico di Via XX Settembre dell’Istituto Comprensivo Rotella Montalto Marche; il Comune di San Marcello (AN) per la demolizione e ricostruzione dell’edificio in Via Circonvallazione dell’Istituto Comprensivo “Rossini”; il Comune di Fermo per l’adeguamento sismico e l’efficientamento energetico della Scuola Primaria e dell’Infanzia “Molini”.

I progetti scelti seguiranno l’iter e le tempistiche dettate dal Ministero e previste dal PNRR, che sono: la consegna della progettazione definitiva entro il 31 agosto 2022 e di quella esecutiva entro fine anno; aggiudicazione dei lavori entro il 20 giugno 2023; loro avvio entro il 31 dicembre dello stesso anno; conclusione entro fine 2025; infine, collaudo non oltre il 31 marzo 2026.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-02-2022 alle 18:06 sul giornale del 24 febbraio 2022 - 245 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cNEu





qrcode