counter

Pnrr, il Pd: “Giunta regionale senza visione e strategia, così si mette a rischio il potenziamento della sanità marchigiana”

4' di lettura 11/02/2022 - Ad appena due settimane dalla consegna al ministero dei piani operativi riguardanti i 183 milioni di fondi europei assegnati dal Pnrr alla Regione Marche, la giunta regionale appare in confusione e senza una visione strategica. A denunciarlo è il gruppo assembleare del Partito Democratico, che vede a rischio il potenziamento della sanità territoriale nella fase post Covid.

“Sono mesi - spiega il capogruppo Maurizio Mangialardi - che si conosce l’entità delle risorse che il governo Draghi, attraverso il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, ha destinato alla Regione Marche per quanto riguarda la missione salute. La giunta regionale, con grande imbarazzo da parte di tutti, ha perso intere settimane a tergiversare, tenendo i sindaci, il consiglio regionale, i sindacati e quasi l’intero mondo della sanità all’oscuro della sua strategia. Molto probabilmente perché una strategia non ce l’hanno e non sanno come soddisfare le promesse fatte in campagna elettorale. La paura di confrontarsi è chiaramente testimoniata non solo dal rifiuto di farci partecipare agli incontri con i sindaci delle cinque Aree vaste, ma anche dal fatto che, nonostante ci fosse una risoluzione approvata all’unanimità per convocare un consiglio regionale dedicato al dibattito sui piani operativi elaborati dalla giunta, la maggioranza ha continuamente rimandato la discussione, fissandola infine per il 24 febbraio, data che a tre giorni dalla deadline, di fatto, impedirà all’opposizione di dare il proprio contributo”.

“In questo anno e mezzo - afferma Romano Carancini - abbiamo presentato almeno tre atti per far sì che il consiglio regionale e il territorio non arrivasse a questo appuntamento impreparato, ma pronto a cogliere un’occasione, quella del Pnrr, di portata storica. Tutto inutile, perché questi dilettanti allo sbaraglio non hanno dato né a noi né ai sindaci l’opportunità di confrontarsi sui loro progetti e sulle reali esigenze dei territori”.

“Hanno costruito delle proposte - precisa la vice capogruppo Anna Casini - senza neppure conoscere i contenuti del Pnrr. Basti pensare che intendevano utilizzare le risorse europee per fare le manutenzioni ordinarie, invece di programmare il potenziamento della medicina del territorio. Vorrebbero creare degli ospedali di comunità a San Benedetto del Tronto, quando c'è già un ospedale. Insomma, sono completamente scollegati dai bisogni delle nostre comunità”.

“Abbiamo cercato di capire come volessero investire le risorse del Pnrr - denuncia Andrea Biancani - ma le uniche notizie le abbiamo apprese dai giornali perché la giunta regionale ha deciso di non dialogare con il consiglio e, quando lo ha fatto, è stato addirittura peggio. Infatti, ciò che vanno raccontando nei territori non corrisponde mai a quanto ci dicono rispondendo alle nostre interrogazioni. Il problema è la confusione che regna sovrana, con la struttura tecnica della Regione che va per la sua strada ed elabora le sue proposte, mentre la giunta continua a propagandare tutt’altro all’esterno. Rischiamo che queste risorse indispensabili per rilanciare la sanità marchigiana dopo l'esperienza del Covid vadano letteralmente disperse e sprecate. E farne le spese sarà la salute dei cittadini”.

“Un quadro complessivo fumoso - aggiunge Antonio Mastrovincenzo - dettato dall’assenza di programmazione da parte dell’assessore alla Sanità Saltamartini e dalla mancanza di criteri per decidere quali progetti e strutture finanziare e quali no”.

“Le uniche due certezze che abbiamo - dice Micaela Vitri - è che la riapertura dei piccoli ospedali, che è stato il cavallo di battaglia della destra alle elezioni, è stata completamente smentita e smontata. Anzi, la vera notizia è che la giunta regionale intende affidare la gestione degli ospedali di Urbino e Pergola a due soggetti privati, dando inizio, questa volta davvero, allo smantellamento della sanità pubblica. L’altra certezza riguarda la cancellazione di 7 guardie mediche. Per il resto, rischiamo di perdere una grande occasione per realizzare ospedali e case di comunità e potenziare la medicina del territorio, visto che questa giunta superficiale e chiusa al confronto pensa di finanziare con i soldi del Pnrr progetti che non sono ammissibili come l’adeguamento sismico delle strutture sanitarie”.

“Oggi - sostiene Manuela Bora - scaricano la loro incapacità di programmare le risorse del Pnrr sulla precedente Amministrazione. Ma dimenticano che Acquaroli ha ereditato un sistema sanitario qualificato, che non noi, ma il ministero, ha riconosciuto per i livelli di assistenza tra i migliori in Italia dopo quelli delle regioni Veneto, Toscana, Lombardia ed Emilia Romagna”.

“Non ci sono idee - conclude Fabrizio Cesetti - si va avanti a tentoni e la giunta è completamente assente. Le risorse dovrebbero essere indirizzate a ridurre e superare le disparità territoriali nei livelli di assistenza e prevenzione, come previsto dalle linee guida dello stesso Pnrr. Dunque, i progetti dovrebbero essere inquadrati nell’ambito di una strategia quanto meno regionale. Invece il centrodestra preferisce inseguire logiche di campanile e rispondere alle esigenze elettorali di assessori e consiglieri di maggioranza anziché quelle dei territori”.


da Gruppo assembleare del Partito Democratico
Assemblea Legislativa delle Marche





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-02-2022 alle 15:45 sul giornale del 12 febbraio 2022 - 148 letture

In questo articolo si parla di politica, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/cLaX





qrcode