counter

Legge 194 (interruzione gravidanza), Articolo 1: "Necessario informare Speranza di quanto accade nelle Marche"

articolo uno mdp 1' di lettura 29/12/2021 - Nelle Marche la vita delle donne, soprattutto quando sono in difficoltà, si fa sempre più difficile. Siamo tra le regioni in cui è più difficile applicare una legge legittima che è tra quelle che ha avuto più effetti positivi visto che dal momento in cui, grazie alle battaglie delle donne, l’interruzione di gravidanza si è potuta fare nelle strutture pubbliche i casi si sono drasticamente ridotti.

Eppure, se ci sono ancora purtroppo donne che hanno necessità di ricorrere a questa legge, gli ostacoli sono sempre notevoli. Il fatto che nelle Marche il numero dei medici obiettori superi ogni livello di decenza fino ad arrivare, in alcuni ospedali, al 100%, non solo non viene visto, come è nella realtà, un enorme e illegittimo impedimento all'applicazione di un diritto, ma viene sostenuto dalla Regione che si è opposta all'aborto farmacologico della pillola Ru 486 da realizzare nei consultori, e si rifiuta di fornire dati sui consultori stessi contravvenendo alle disposizioni del ministro della Salute. Evidentemente della salute delle donne alla Regione e in particolare alla Assessora alle Pari Opportunità non importa assolutamente nulla, come se per le donne la necessità di ricorrere ad una legge dello Stato fosse non una dolorosa necessità determinata da situazioni drammatiche ma forse uno sfizio femminista che si può tranquillamente eludere.

Sarà necessario informare della situazione il Ministro Speranza perchè sia a conoscenza di quanto accade nelle Marche.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-12-2021 alle 16:36 sul giornale del 30 dicembre 2021 - 179 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/cCyZ





logoEV
logoEV
qrcode