counter

Jesi: Il sindaco Bacci dimesso, gli auguri di Natale alla città

Massimo Bacci 2' di lettura 26/12/2021 - "Auguri per un Natale di grande coesione". Il primo pensiero ai lavoratori della Caterpillar.

Le condizioni del sindaco Bacci ricoverato nel reparto covid dell'Urbani tre giorni fa, sono migliorate ed alla vigilia di Natale è stato dimesso. "Ho appena fatto ritorno a casa e desidero ringraziare innanzitutto il dottor Marco Candela, i medici, gli infermieri, gli operatori socio sanitari e tutti coloro che operano nel reparto Covid del Carlo Urbani per la professionalità e l'umanità riscontrate in questi giorni di ricovero. Grazie ai tanti cittadini che mi hanno voluto manifestare la loro vicinanza. Una bella testimonianza di affetto che mi ha fatto enormemente piacere."

Così da casa ha inviato i suoi auguri ai cittadini, per un sereno Natale, ma il primo pensiero è andato ai lavoratori colpiti dalla decisione di chiudere lo stabilimento della Caterpillar. Non ha potuto infatti aprtecipare al corteo di giovedì, che partito da Porta Valle è salito fino a piazza Federico II. Davvero tanta la partecipazione, non solo delle parti sociali, politiche ed amministrative, sindacali, ma a anche di cittadini, di amici dei lavoratori.

"Grazie alla città che si è stretta attorno alle lavoratrici e ai lavoratori della Caterpillar, facendo sentire la piena solidarietà per una decisione della proprietà tanto sciagurata quanto assurda. Ho seguito in tv e nei social la manifestazione che abbiamo organizzato insieme alle organizzazioni sindacali e confido vivamente che la forte spinta che giunge dal territorio (ho apprezzato molto la presenza dei colleghi sindaci), dalla Regione e dai parlamentari marchigiani possa presto portare all'apertura di un tavolo presso il Ministero dello Sviluppo Economico che ho sempre considerato assolutamente indispensabile per trovare una soluzione che tuteli lavoratrici e lavoratori". Il sindaco ha apprezzato la vicinanza di tutti, e continuerà ad approfondire la questione. "Questa vicenda, unita per altro ad una pandemia che ha cominciato a colpire forte anche dalle nostre parti, ci porta a vivere tutti un Natale meno gioioso e meno sereno".

"L'augurio che rivolgo ai cittadini è quello di mantenere alto sempre questo spirito di solidarietà e di vicinanza a chi soffre, a chi lotta, a chi è più fragile, a chi ha bisogno di aiuto. Siamo una straordinaria comunità che ha sempre dimostrato nella sua storia una forte coesione sociale. Questo è lo spirito che ci deve animare ancora più oggi. Auguri di cuore a tutti!"


di Cristina Carnevali
redazione@viverejesi.it





Questo è un articolo pubblicato il 26-12-2021 alle 08:34 sul giornale del 27 dicembre 2021 - 491 letture

In questo articolo si parla di attualità, jesi, Massimo Bacci, cristina carnevali, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/cBYt





logoEV
logoEV
qrcode