counter

Jesi: Acquaroli su Caterpillar: “Vicenda inaccettabile, coinvolgeremo Governo e Parlamento"

3' di lettura 15/12/2021 - Una rappresentanza sindacale dei lavoratori è stata ricevuta in Regione dal Presidente insieme all’assessore Aguzzi. Presenti anche i capigruppo di maggioranza e opposizione.

“La vicenda Caterpillar è sconcertante e inaccettabile sotto ogni logica e ogni profilo. Ho già pronta una lettera per il presidente del Consiglio e per il ministro dello Sviluppo economico che partirà subito. Quanto accaduto venerdì scorso è un grave precedente che rischia di creare un dramma dal punto di vista sociale ed economico per il nostro territorio nell’immediato e anche per tutta l’Italia in prospettiva. Per questo motivo credo fermamente che la vicenda debba essere portata al più presto sui tavoli nazionali del Governo e del Parlamento: occorre arginare un'azione unilaterale fatta da una multinazionale che dopo 94 anni vuole chiudere in due minuti la storia di un territorio, senza alcuna ragione che sia riconducibile alla competitività se non quella dell’ottenere un maggior profitto dalla propria azienda. Trovo questo modo di agire contro la Costituzione e sprezzante di qualsiasi valore sociale dell’impresa. Su questo siamo tutti d’accordo”.

Questa la posizione della Regione Marche espressa questa mattina dal presidente Francesco Acquaroli, al termine dell'incontro con la rappresentanza sindacale dei lavoratori dello stabilimento jesino della multinazionale americana, che, la settimana scorsa, ha annunciato senza preavviso la chiusura del sito produttivo dove lavorano circa 260 lavoratori. Alla riunione erano presenti anche l’assessore al Lavoro Stefano Aguzzi e tutti i capigruppo di maggioranza e opposizione.

“Cercheremo – ha proseguito Acquaroli - un contatto con il responsabile del sito locale. Il presidente del Consiglio regionale, a nome di tutti i gruppi, invierà una lettera ai presidenti di Camera e Senato. La vicenda Caterpillar è un caso nazionale e come tale va trattato”.

L’assessore Aguzzi, oltre a ribadire la netta contrarietà a quanto sta accadendo e l’impegno in prima linea a fianco dei lavoratori, da parte sua ha sottolineato anche “l’inopportunità” dei modi in cui la notizia è stata comunicata sia ai dipendenti, senza alcun preavviso, che alle istituzioni.

“E’ arrivata una lettera in Regione dove si manifesta la volontà di chiudere lo stabilimento e di dare il via ai licenziamenti -. Sarebbe una tragedia per il nostro territorio che, come Regione Marche, vogliamo assolutamente evitare. Per questo motivo, senza perdere tempo, questa mattina abbiamo sospeso il consiglio regionale per incontrare i referenti sindacali con tutti i capigruppo di maggioranza e opposizione perché è giusto che questa cosa venga affrontata tutti insieme. E’ inammissibile infatti che passi il principio che un’azienda possa abbandonare un territorio da un giorno all’altro, senza una motivazione valida o uno stato di crisi, per delocalizzare. Sarebbe un precedente pericolosissimo per tutto il Paese e in particolare per le tante famiglie che lavorano in queste imprese. Faremo tutto quanto è in nostro potere per evitarlo”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-12-2021 alle 09:39 sul giornale del 15 dicembre 2021 - 143 letture

In questo articolo si parla di attualità, regione marche, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/czXx





logoEV
logoEV
qrcode