counter

Fano: Teppisti scatenati al Pincio, residenti esasperati: sfiorata la rissa, rigate le auto, vetri lungo le mura

1' di lettura 06/12/2021 - Prima hanno vandalizzato - non una, ma ben due volte - il grande presepe del Pincio, accanendosi anche contro gli alberi di Natale. Poi, loro o chi per loro, sabato sera si sono resi protagonisti di nuovi disordini. Quel che è certo è che il 'salotto buono' di Fano è sempre più spesso teatro di violenze e teppismo.

Urla, schiamazzi, e poi le botte. È stato un sabato sera da incubo quello vissuto nella zona tra le 22 e mezzanotte, quando c’è ancora passeggio e i locali sono nel pieno del lavoro. Bande di minorenni sarebbero passate alle mani, e se la sarebbero presa anche contro la carrozzeria delle auto in sosta - rigandole - e contro gli specchietti. Ovviamente rompendoli Un motorino è stato gettato a terra, per non parlare dei pericolosi vetri a terra a ridosso delle mura dovuti alla rottura di diverse bottiglie.

Da alcune testimonianze pare che fossero una quindicina, e che sarebbe stata sfiorata la rissa. I residenti chiedono maggiori controlli, soprattutto nelle ore più sensibili, ovvero quelle notturne. Neppure le numerose telecamere piazzate in zona sembrano infatti spaventare questi ragazzini, e chi abita in zona lamenta la più totale assenza di controlli. Il tema della sicurezza è così tornato al centro del dibattito politico cittadino. Sull'argomento è già intervenuto Stefano Pollegioni di UDC Fano.

Seguono alcune foto.


Per le tue foto e segnalazioni, per ascoltare il radiogiornale di Vivere Fano e per ricevere le nostre notizie in tempo reale iscriviti al nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp salvare in rubrica il numero 350 564 1864 e inviare un messaggio qualsiasi allo stesso numero
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano







Questo è un articolo pubblicato il 06-12-2021 alle 15:34 sul giornale del 07 dicembre 2021 - 251 letture

In questo articolo si parla di cronaca, fano, vandali, pincio, articolo, Simone Celli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cyq5