Fano: Accoltella il figlio con una lama da 20 centimetri: “Stavo tagliando il prosciutto”

2' di lettura 17/11/2021 - Un coltello a punta, con una lama di venti centimetri. Uno strumento da cucina che però – nelle mani sbagliate – può tramutarsi in una vera e propria arma. Esattamente quella che un uomo ha utilizzato, alcune sere fa, per ferire nientemeno che suo figlio.

“Stavo soltanto tagliando il prosciutto”, avrebbe raccontato il 54enne di Marotta di Mondolfo nel riferire ai carabinieri quanto accaduto. Perché, a suo dire, le ferite inferte al figlio sarebbero state soltanto un incidente. I militari non gli hanno creduto. E avevano ragione.

Era domenica sera. Intorno alle 19 la chiamata del 118 ai carabinieri. I sanitari avevano appena soccorso un 24enne per una ferita da arma da taglio all’addome. I militari si sono precipitati nell’abitazione, poi il racconto del padre, che lì per lì ha indicato un coltello a seghetto lasciato sul tavolo. È con quello, a suo dire, che avrebbe ferito per sbaglio il suo stesso figlio. Ma quelle tracce lungo il corridoio, e soprattutto i referti medici dopo il ricovero del ragazzo a Torrette di Ancona, che rimandavano a un altro tipo di lama. E, guarda caso, quel lungo coltello a punta ritrovato su un lavandino. Qualcosa davvero non tornava, anche tendendo conto della versione raccontata dal giovane.

I carabinieri hanno messo l’uomo sotto torchio, fino a che la verità non emersa. Il 54enne ha confessato di aver affondato la lama in seguito a un litigio. Non troppo, per fortuna: il taglio, infatti, non è profondo. La prognosi, per il ragazzo, è di quindici giorni. L’uomo è stato arrestato e portato nel carcere di Villa Fastiggi. Martedì mattina l’udienza e la decisione di imporgli l’allontanamento da casa. Il 54enne non potrà più avvicinarsi a figlio e moglie – anche lei vittima, in passato, di violenze – entro un raggio di 200 metri.

Per le tue segnalazioni, per ascoltare il radiogiornale di Vivere Fano e per restare sempre aggiornato iscriviti al nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp salvare in rubrica il numero 350 564 1864 e inviare un messaggio qualsiasi allo stesso numero
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano





Questo è un articolo pubblicato il 17-11-2021 alle 16:37 sul giornale del 18 novembre 2021 - 1944 letture

In questo articolo si parla di cronaca, mondolfo, marotta, accoltellamento, articolo, Simone Celli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cuG9





logoEV
logoEV