Fano: Brucia tre auto per ‘stanare’ la ex [FOTO e VIDEO]: torna per finire il lavoro ma un vicino lo sorprende

3' di lettura 11/11/2021 - Non è stato un incidente. Eppure si era pensato a un guasto, a un fatto fortuito. Invece no. Le tre auto bruciate a Villanova di Colli al Metauro la notte di Halloween erano state ridotte così dalla mano di un uomo che non accettava la fine della relazione con la sua ex.

Avevano convissuto per quattro anni. Nel mezzo anche violenze fisiche e verbali mai denunciate. Alla fine la donna l'aveva lasciato, ma lui - per così dire - non era 'd'accordo'. È così che un 57enne di origini campane ma residente ad Arezzo, impiegato in una struttura sanitaria toscana, ha finito per compiere un gesto insano: dar fuoco all'auto di lei – una 43enne - per 'stanarla'. Per scoprire dove fosse si è recato di fronte a una casa di proprietà della donna, e riconoscendo l’auto di lei le ha dato fuoco. Ma nel farlo, oltre a ridurre la Matiz della ex a una carcassa, nel parcheggio di via Alcide De Gasperi dove ha appiccato il rogo ha inavvertitamente finito per carbonizzare un'altra vettura – una Mercedes Classe A – e per danneggiare gravemente una terza – una Fiat Panda 4x4 -, entrambe parcheggiate lì a fianco.

Era la notte prima di Halloween, tra il 30 e il 31 ottobre. I vigili del fuoco avevano spento agilmente le fiamme (i dettagli), e tutto sembrava essersi concluso con quel rogo dovuto alla sfortuna. Invece no. Perché il 57enne è tornato la notte del 6 novembre. Tanica di benzina e guanti in lattice: si è avvicinato alla carcassa della Matiz della ex, ha cosparso il liquido infiammabile su quel che restava della vettura, poi le grida. Un vicino l'ha visto dopo aver avvertito un forte odore di benzina, poi ha chiamato i carabinieri.

I militari l’hanno poi trovato nei boschi, dove si era dato alla macchia dopo aver abbandonato l'auto. Alla fine, le manette. Dalle mail è emerso che il 57enne rivolesse indietro i soldi dei quattro anni vissuti insieme. Schiacciante il tracciamento della targa. Grazie alla tecnologia Targa System, infatti, la conferma definitiva: la sera del 31 l'uomo era stato a Colli al Metauro con la sua Renault Megan. Era stato lui a bruciare la Matiz, e per sbaglio anche le altre due auto. Poi, il 6 novembre, voleva soltanto finire il lavoro, nella speranza di far uscire di casa la sua ex alla vista delle fiamme. L'arresto dell'uomo è stato convalidato mercoledì. È accusato di atti persecutori, incendio e tentato incendio. Resterà in carcere.

Seguono alcune foto dell'incendio. Qui il video integrale.

Per le tue foto e segnalazioni, per ascoltare il radiogiornale di Vivere Fano e per ricevere le nostre notizie in tempo reale iscriviti al nostro servizio gratuito di messaggistica:

  • per Whatsapp salvare in rubrica il numero 350 564 1864 e inviare un messaggio qualsiasi allo stesso numero
  • Per Telegram cercare il canale @viverefano o cliccare su t.me/viverefano







Questo è un articolo pubblicato il 11-11-2021 alle 15:33 sul giornale del 12 novembre 2021 - 2504 letture

In questo articolo si parla di cronaca, villanova, incendio auto, articolo, colli al metauro, Simone Celli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ctvi





logoEV
logoEV